ABI: nelle banche misure efficaci contro le frodi informatiche

ABI: nelle banche misure efficaci contro le frodi informatiche

Per quanto riguarda le imprese solo l’1,3% ha subito un furto di credenziali e solo lo 0,01% ha subito un danno economico.

di: Redazione ImpresaCity del 15/06/2016 10:22

Technology
 
Sempre più efficace l'attività di difesa delle banche italiane contro le frodi informatiche: nel 2015, oltre il 94% del volume economico associato ai tentativi di frode è stato bloccato con successo. Un caso di frode stimato ogni 166.000 operazioni eseguite via Internet dalla clientela Retail.
Questi i principali risultati della ricerca del Consorzio ABI Lab su come contrastare le frodi su internet e mobile banking.
Nello specifico, secondo il Rapporto sulla sicurezza on line, solo lo 0,14% dei clienti Retail attivi su Internet Banking, in linea con il 2014, ha subito un furto di credenziali, e a subire un danno economico è stato solo lo 0,0031% dei clienti, ossia uno ogni 32.200.
Per quanto riguarda le imprese solo l’1,3% ha subito un furto di credenziali e solo lo 0,01% ha subito un danno economico, a dimostrazione che l’azione di contrasto è sempre più efficace a fronte di una sempre maggiore sofisticazione degli attacchi e dunque di un elevato indice di rischio. Nel 2015 le transazioni anomale su tutta la clientela sono diminuite del 22,7% rispetto al 2014.
Riguardo alle tipologie di attacchi, nel caso della clientela al dettaglio il 45,2% dei furti di identità è avvenuto attraverso tecniche di phishing (truffa informatica effettuata inviando un'e-mail al cliente per carpire dati riservati come il numero di carta di credito e password di accesso al servizio di home banking), mentre nel caso delle imprese principalmente attraverso malware (codice malevolo che può essere diffuso attraverso programmi, documenti o messaggi di posta elettronica, in grado di rendere disponibili informazioni riservate e codici d’accesso al truffatore), a conferma di una specializzazione dei meccanismi di frode a seconda del tipo di clientela.
Limitate anche le frodi che vedono il coinvolgimento del dispositivo mobile quando usato per ricevere gli SMS che autorizzano le operazioni di Internet Banking, pari allo 0,74% del totale delle operazioni fraudolente. Interessante notare che, nell’ambito delle attività di analisi della rete per l’identificazione dei siti web clone, oltre 2 mila siti fraudolenti sono stati rilevati e bloccati.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota