La NATO utilizza la collaboration di Polycom

La NATO utilizza la collaboration di Polycom

La NATO è la prima organizzazione a installare la soluzione Polycom RealPresence Centro per portare la collaboration a un livello più elevato

di: Redazione del 05/02/2016 15:01

Technology
 
Polycom ha offerto alla NATO l’opportunità di essere la prima a installare la soluzione Polycom RealPresence Centro rprima della sua disponibilità generale, prevista per la fine del mese di febbraio.

Già pienamente operativo sul NATO Restricted Network, una rete altamente protetta e sicura all'interno dell’infrastruttura della NATO, il sistema RealPresence Centro si trova al centro delle comunicazioni più importanti della NATO. Questa soluzione funge da punto di riferimento delle comunicazioni per il comando e per il controllo di meeting e delle sessioni di training e amministrative, oltre che per le comunicazioni internazionali e la collaborazione relativa alle missioni operative.

"La tecnologia per la collaboration che utilizziamo ha un impatto fondamentale e diretto sul successo delle nostre missioni, spiega Gus Mommers, Branch head CMS, NCI Agency, NATO. Nato si affida alle capacità avanzate delle soluzioni di Polycom per la collaboration per collegare istantaneamente i nostri team e le nostre nazioni per svolgere missioni altamente critiche in estrema sicurezza”. 

"In un ambiente sempre più insicuro e minaccioso, affermano in Polycom, la NATO deve essere meticolosa nella valutazione delle soluzioni di comunicazione. A causa delle informazioni altamente riservate che vengono condivise all’interno del suo Restricted Network, viene posta una forte enfasi sulle soluzioni che intervengono contro i tentativi di intercettare le informazioni. La certificazione di sicurezza che caratterizza il sistema RealPresence Centro ha consentito a questa soluzione di essere testata, certificata e approvata per l’uso da parte della NATO". 

"Il sistema RealPresence Centro offre la soluzione per la collaboration altamente sicura e interattiva che stavamo cercando per permettere al nostro programma new ways of working di evolvere ulteriormente, aggiunge Catherine Galoppin, Section Head CMS NCI Agency. Per l’Agenzia questo significa risparmio di tempo e di risorse, oltre alla possibilità di lavorare in modo sicuro da praticamente ogni luogo e con una esperienza utente superiore”. 
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota