Expo 2015, Pisapia lascia l'incarico di commissario straordinario

Expo 2015, Pisapia lascia l'incarico di commissario straordinario

Il Sindaco di Milano ha commentato così la sua decisione: "E' indispensabile che ci sia chi, per il Governo, si dedichi a tempo pieno all'Esposizione".

di: Redazione ImpresaCity del 12/06/2012 08:55

Technology
 
Il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, ha annunciato di aver ''rimesso l'incarico di Commissario Straordinario di Expo 2015 nelle mani del presidente del consiglio Mario Monti'', sottolineando la sua ''preoccupazione per l'attenzione insufficiente da parte del Governo e del Parlamento''.
''Non posso nascondere - ha sottolineato Pisapia - la mia preoccupazione per l'attenzione insufficiente da parte del Governo e del Parlamento. Credo in Expo 2015 e credo che potra' essere una grande opportunita', ma da parte del governo ci sono troppi ritardi e disattenzioni''. Secondo Pisapia ''ci vuole una persona del Governo che se ne occupi a tempo pieno''.  
''La decisione di rimettere l'incarico nelle mani del presidente del consiglio - ha concluso - serve anche a sollevare i problemi che riguardano il progetto dell'Expo''.
"Un decisione difficile, sofferta, che non significa tirarsi indietro ma che, anzi, vuole essere una spinta ad una reale e concreta partecipazione del governo nazionale a una maggiore attenzione, ad una non solo formale assunzione di responsabilità da parte di chi ci governa, per l'unico grande evento internazionale previsto in Italia nei prossimi anni".
Così il sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha motivato - nel corso del suo intervento questa mattina all'Assemblea generale di Assolombarda - la decisione di rimettere il proprio incarico di Commissario straordinario di Expo 2015 nelle mani del presidente del Consiglio Mario Monti
"Sollevare dei problemi - ha aggiunto Pisapia -, se lo si fa per superarli ed è questo il mio intendimento, è un atto di fiducia e responsabilità e non certo di disfattismo. Mancano poco più di mille giorni all'Esposizione universale e quello che percepisco - e che molti percepiscono - è che, a livello nazionale, vi sia verso Expo 2015 un clima molto tiepido. Da parte del Governo e di gran parte del Parlamento, con lodevoli eccezioni, però, c'è stata un'attenzione insufficiente".
"In questo anno da parte nostra è stato fatto molto - ha rivendicato Pisapia nel suo intervento -, ma adesso serve uno sforzo eccezionale. La mia decisione vuole e deve essere un passo avanti per il progetto Expo, cui credo fortemente. E' indispensabile, è fondamentale che ci sia chi, per conto del governo si dedichi a tempo pieno a questo progetto. Che è un'occasione per Milano, per la Lombardia, per tutto il Paese".
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota