Banche: priorità agli investimenti ICT

Banche: priorità agli investimenti ICT

Obiettivo per le banche: innovazione digitale, dematerializzazione, intercanalità e mobile.

di: Redazione ImpresaCity del 20/03/2015 15:40

Technology
 
Innovazione digitale, dematerializzazione e automazione dei processi operativi, intercanalità, iniziative di mobile banking e mobile payment, modernizzazione delle infrastrutture e progetti che puntano sull’identificazione da remoto del cliente, anche in termini di sottoscrizione on line.
Sono queste le priorità nei programmi d’investimento in tecnologia delle banche italiane che continuano a puntare sull’ICT.
A scattare la fotografia dell’impegno e delle priorità delle banche italiane sul fronte della spesa in tecnologia è l’undicesima edizione del rapporto sulle tendenze del mercato ICT per il settore bancario messo a punto da ABI Lab, il Centro di Ricerca e Innovazione per la Banca promosso dall’ABI.
Secondo la ricerca, nonostante la difficile congiuntura economica, l’attenzione del settore bancario per l’innovazione trova conferma anche nelle previsioni di spesa formulate dalle banche. Il budget ICT per il 2015 risulta essere costante o in aumento per tutte le realtà analizzate: il 60% delle realtà si è mantenuto su livelli costanti, mentre il 40% delle banche ha formulato un budget ICT superiore rispetto a quello del 2014.
Per quanto riguarda le priorità ICT del settore per il 2015, ABI Lab ha stilato una classifica dei progetti considerati prioritari dai gruppi bancari italiani, valutando le caratteristiche dei principali filoni progettuali in base al potenziale impatto sul business e al payback previsto.
I diversi progetti sono stati raggruppati in 4 macrocategorie: processi interni, miglioramento e adeguamenti dei sistemi informativi e TLC (Telecomunicazioni), canali e sicurezza. Stando all’indagine, tra i progetti relativi ai processi interni al primo posto troviamo la dematerializzazione (90%), che si accompagna ai percorsi di automazione (43%) e reingegnerizzazione dei processi operativi (38%).
Guardando ai filoni di miglioramento e adeguamento dei sistemi IT (Information technology) e TLC troviamo come prioritarie le iniziative di modernizzazione delle infrastrutture tecnologiche (57%), a seguire la revisione dei progetti IT (29%) e l’adeguamento dei postazioni di lavoro (24%).
Nell’ambito dei canali, troviamo progetti di potenziamento di mobile banking e payment (81%) e di sviluppo della multicanalità (71%), che rappresentano ambiti di forte rilevanza e priorità per le banche. Nell’ambito della sicurezza, le iniziative progettuali di maggiore attenzione riguardano la sicurezza dei canali remoti lato clientela ( 43%) e la sicurezza di dati e applicazioni (38%), la sicurezza dei pagamenti (29%) e la sicurezza di business continuity (24%).
L’indagine evidenzia che tra le iniziative che raggiungono l’obiettivo di conseguire il ritorno nel breve periodo ( max 1 anno), troviamo al primo posto le iniziative orientate all’automazione dei processi operativi (56%), sui temi di sicurezza (50%) e a seguire le iniziative di mobile banking e mobile payment (35%).
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota