Sicurezza e carte di credito, dipende anche dal consumatore

Sicurezza e carte di credito, dipende anche dal consumatore

Intervento di David Gubiani, Technology Manager Italy, Check Point Software Technologies

di: Redazione del 14/01/2015 11:36

Technology
 
Intervento a cura di David Gubiani, Technology Manager Italy, Check Point Software Technologies

Una recente ricerca effettuata dalla Banca Centrale Europea ha messo in evidenza un aumento delle frodi sulle carte di credito nell’area Euro, con un valore complessivo delle truffe stimato in 1,33 miliardi di Euro
. Anche se l’Italia pare essere un’isola relativamente felice con un tasso di frode sotto la media, pari allo 0,01%, resta necessario mantenere alta l’attenzione e analizzare costantemente in che modo cambiano ed evolvono le truffe alle carte di credito.
La gran parte delle frodi viene effettuata su transazioni online, effettuate tipicamente in modalità CNP (Card Not Present), e quindi meno strettamente controllabili rispetto alle transazioni effettuate in presenza di un merchant. Ed è il canale online quello in cui tipicamente vengono sottratte le informazioni sensibili necessarie a portare a compimento queste frodi – numero carta, nome titolare, data di validità e via dicendo…  
La sicurezza si rivela un aspetto particolarmente critico, anche dal punto di vista della percezione. Un e-commerce dotato delle migliori certificazioni di sicurezza trasmette tranquillità agli utenti, che sanno di potersi fidare durante l’acquisto. E soluzioni dedicate proteggono i dati sensibili anche quando questi sono salvati nei database aziendali. Ma la partita della sicurezza delle transazioni deve essere giocata su due livelli, soprattutto quando si parla di mobile.
Ormai tutti, o quasi, sono consapevoli dell’importanza di un software di sicurezza affidabile e aggiornato. Lo stesso vale per i dispositivi mobili, tanto più quando vengono utilizzati per operazioni di e-commerce. Se il sito del merchant – e la relativa infrastruttura - deve rivelarsi sicuro, altrettanto deve potersi dire per il dispositivo che vi accede. Ed all’utente spetta garantire che il suo endpoint sia dotato di tutti i software necessari ed aggiornati, a cominciare proprio da un antivirus mobile.  
Esistono soluzioni complete e dedicate che consentono agli utenti anche inesperti di navigare in tutta sicurezza limitando al massimo i rischi durante ogni tipo di operazione online, anche quelle di e-commerce. La tecnologia è disponibile ed è alla portata di tutti, compito di ognuno è rendersi conto dei potenziali rischi ed operare per ridurli al minimo
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota