Expo 2015: intesa con Confartigianato per il rilancio delle imprese

Expo 2015: intesa con Confartigianato per il rilancio delle imprese

Molteplici gli ambiti di lavoro comune indicati nella convenzione, tra cui una serie di informazioni mirate sulle possibili opportunità per le imprese artigiane nell'ambito dei lavori e dei servizi connessi all'evento.

di: Redazione ImpresaCity del 18/12/2012 17:30

Technology
 
Si ispira alla forte alleanza tra istituzioni e imprenditoria la convenzione sottoscritta dal presidente della Regione Lombardia e commissario generale di Expo Roberto Formigoni, il commissario generale di sezione per il padiglione Italia Diana Bracco, l'amministratore delegato di Expo 2015 spa Giuseppe Sala e il nuovo presidente nazionale di Confartigianato Imprese Giorgio Merletti: assieme daranno vita a un tavolo di coordinamento delle iniziative, che lavorerà fino al 31 dicembre 2015.
Molteplici gli ambiti di lavoro comune indicati nella convenzione: attivazione di una collaborazione al fine di creare le sinergie necessarie a sviluppare progetti congiunti nell'ambito e sui temi dell'Esposizione; attivazione di collegamenti tra le iniziative italiane nel mondo e l'Europa, supportando la concezione dei Paesi stranieri, che vedono l'Italia inquadrata in un contesto più ampio, quale il bacino europeo e mediterraneo; accordi su progetti di interesse e sviluppo di ulteriori partnership con soggetti nazionali e internazionali; formulazione di proposte di attività di comunicazione e informazione sui progetti, sia a livello locale che internazionale; individuazione delle "buone pratiche" che siano valorizzate dalla comunità internazionale ed esibite come best practices nel 2015; informazioni mirate sulle possibili opportunità per le imprese artigiane nell'ambito dei lavori e dei servizi connessi all'evento.
La collaborazione con Confartigianato sarà volta, inoltre, a individuare e concordare le forme e le modalità di una eventuale presenza della stessa Confartigianato nel padiglione Italia.
"Expo sarà un'importantissima vetrina per il Made in Italy - ha commentato Merletti - e, dunque, anche per tutte le aziende artigiane. Tutto questo rappresenta un'importante occasione di crescita del sistema Italia e, proprio in questa direzione, lavoreremo per aggregare le migliori realtà imprenditoriali del Paese". Proprio il padiglione - ha rimarcato Diana Bracco - sarà "una piattaforma di relazioni internazionali, importantissima per tutte le imprese. L'augurio è che la collaborazione possa portare a valorizzare giovani imprese e prodotti di eccellenza".
"Expo 2015 - ha sottolineato Formigoni - sarà il primo evento post crisi e una straordinaria occasione per rilanciare le opportunità per il nostro tessuto di Pmi e micro imprese". In questa difficile fase dell'economia serve "uno sforzo comune, per costruire un contesto favorevole alle potenzialità imprenditoriali del nostro Paese". Proprio in questa direzione si colloca la Convenzione, studiata per favorire nuove "opportunità di promozione e di valorizzazione della micro e piccola imprenditoria".
"Nello sviluppare il tema di Expo Milano 2015 - ha aggiunto il presidente - "vogliamo rimarcare l'importanza e il ruolo dell'impresa artigiana in particolare sui temi della ricerca, dell'innovazione e della qualità dell'artigianato, con riferimento soprattutto alle problematiche ambientali-ecologiche e di risparmio energetico o di micro-credito". 
"Tutte le iniziative previste nella convenzione saranno raccordate ai lavori del Tavolo istituzionale per il governo complessivo degli interventi regionali e sovraregionali, denominato 'Tavolo Lombardia', e, in particolare, con l'azione portata avanti all'interno del 'Sottotavolo Attrattività del territorio', "secondo quel metodo del dialogo e del confronto - ha ribadito Formigoni - che ha sempre caratterizzato la nostra azione politico-amministrativa".
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota