Internet e il caso Raiperunanotte di Michele Santoro

Internet e il caso Raiperunanotte di Michele Santoro

Alcune considerazioni sull'importanza di internet nella società contemporanea, riflettendo su come, giovedì sera, in merito alla trasmissione "Raiperunanotte", il web abbia superato i media tradizionali.

di: Santina Buscemi del 27/03/2010 00:20

 
Internet candidato al Premio Nobel per la Pace 2010: da tutto il mondo sono giunte le sottoscrizioni all'iniziativa che intende far sì che internet si aggiudichi il prestigioso riconoscimento. Cos'ha portato a questo movimento, che via-via diventa di maggior entità, grazie al coinvolgimento di utenti e personalità del mondo politico e culturale, è facile da comprendere semplicemente accedendo alla rete.
Oggi quanto avviene nel mondo è traslato e impatta sul web: le notizie passano attraverso le testate online, i social network e i forum di discussione, sono condivise fra le persone e ne escono accresciute nei contenuti, grazie al Web 2.0 che trasforma l'utente in un soggetto attivo e importante del processo comunicativo.
In altri modi, inoltre, la rete mostra il suo rilievo nella società contemporanea: quanto accaduto in Iran, durante le proteste successive alle elezioni, quando Twitter era diventato il mezzo di comunicazione fra i cittadini iraniani, nell'organizzazione delle proteste, è un chiaro esempio del potere del web.
A questo punto del discorso, parlare di "Raiperunanotte" potrebbe apparire, ad alcuni, fuori luogo od eccessivo. Eppure, a prescindere dalle ideologie politiche di ciascuno e dall'opinione personale in merito alla decisione del CdA della Rai di sospendere i talk show fino alla data delle elezioni, appare chiaro a chiunque come giovedì sera internet ha mostrato tutta la sua forza e la capacità di superare i media tradizionali.
Lo streaming della trasmissione ha totalizzato 120 mila accessi contemporanei e circa 1 milione e 700 mila visitatori unici; su Repubblica.it sono stati invece raggiunti i 60 mila accessi unici contemporanei: numeri che mostrano come il programma, non trasmissibile sulla Rai, abbia comunque avuto la possibilità di raggiungere gli spettatori, che hanno utilizzato il web per assistere alla trasmissione di Santoro e Co.
Oltre alla rete, anche radio, televisioni locali, digitale terrestre e satellite sono stati adoperati per la messa in onda di "Rai per una notte", ma è indubbiamente il popolo del web il vero vincitore della serata.
Oltre ai numerosi accessi, i portali di social networking, Facebook in primis, si sono trasformati in un salotto virtuale nei quali scambiare opinioni sugli interventi dei diversi ospiti: commenti sulle provocazioni di Luzzati, elogi alla vivacità perenne di Benigni e così via, che venivano commentati via via da altri utenti, anch'essi intenti a seguire il programma.
Infine, i gruppi e le pagine intitolate a "Rai per una notte", una volta terminato il programma, hanno visto aumentare copiosamente il numero degli iscritti: siamo nell'era del Web 2.0, il fragore degli applausi diventa il numero degli iscritti ad un gruppo su Facebook.

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Notizie dal Web

  • Comprendere gli attacchi Scada

    L’attacco portato dal virus Stuxnet contro l’Iran nel 2010 ha alzato la consapevolezza sulle vulnerabilità dei sistemi industriali. Qual è il potenziale impatto di questi attacchi?

  • Vecchio malware, nuovi trucchi

    C’è stata un’esplosione di malware nel corso degli ultimi due anni. Quanto è seria la minaccia e come dovrebbe essere contrastata?

  • Outsourcing e Innovazione

    Nell'era digitale, i modelli tradizionali di Outsourcing dell'IT non funzionano più efficacemente ed è giunto il momento di rivederli

  • Aruba, i vantaggi dell'SMS marketing

    SMS marketing come creare un rapporto di interazione e/o fidelizzazione con il proprio cliente

  • Il cloud chiama, i Nas rispondono

    Rispetto alla possibilità di affidarsi totalmente a provider su infrastrutture pubbliche, la soluzione privata presenta vantaggi da prendere in attenta considerazione.

...continua