Logo ImpresaCity.it

Per la banda del 5G Intel e Intelsat vogliono le frequenze satellitari

Le due aziende propongono di allocare al 5G parte delle frequenze usate nei downlink dei satelliti

Autore: Redazione Impresacity

Non abbiamo ancora visto il lancio commerciale dei servizi 5G (ci stiamo avvicinando, man mano) però alcuni dei grandi nomi delle telecomunicazioni mobili stanno già pensando a cosa fare per cercare di offrire agli utenti futuri la massima banda possibile. Se in Europa siamo abbastanza conservativi sull'uso delle frequenze radio e in particolare sulla loro assegnazione a supporto del 5G, negli Stati Uniti l'approccio è più aggressivo e da tempo guarda con interesse alle frequenze satellitari.

Così Intel e Intelsat hanno presentato una proposta congiunta chiedendo alla Federal Communications Commission (FCC) statunitense di attivarsi per liberare una parte della banda C (per la precisione le frequenze tra 3,7 e 4,2 GHz) e allocarla al 5G. Si tratta di frequenze che attualmente vengono usate per i downlink satellitari di vari servizi, dalle trasmissioni televisive alle connessioni broadband.

Secondo Intel ed Intelsat la FCC non può liberare d'ufficio parti della banda C perché gli operatori satellitari che le utilizzano vedrebbero stravolti i loro servizi, attivi magari da anni. L'approccio consigliato è quindi puramente di mercato: gli operatori satellitari mantengono i diritti sulla banda C che usano in una specifica area geografica ma ne cedono una parte agli operatori 5G interessati, sostanzialmente mettendola all'asta.

La proposta, tutta ancora da verificare, potrebbe essere interessante per la copertura delle aree urbane: è qui che gli operatori 5G sarebbero più disposti a investire per avere maggiore banda. Difficile invece che i servizi satellitari possano essere depotenziati nelle aree rurali, dove sono spesso l'unico modo per avere connessioni a banda larga.
Pubblicato il: 06/10/2017

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione