Logo ImpresaCity.it

Motorola Solutions, nuova vita al Push To Talk

Disponibilità di nuove soluzioni PTT da dispositivi broadband e interconnessione con reti radio. Il futuro della comunicazione mission critical è l'analisi dei dati

sirio-magliocca.jpgMotorola Solutions si avvia verso una sua seconda vita. Obiettivo è andare ad affiancare alla storica offerta voce Push To Talk – comunicazione mission critical utilizzata da organizzazioni pubbliche e private - tutta una serie di soluzioni basate sui dati.

“Significa – dice Sirio Magliocca, amministratore delegato della country itlaiana – puntare ad espandere e ottimizzare la comunicazione attraverso servizi puntuali che possono essere creati sfruttando la potenzialità di reti Wi-fi e broadband avvalendosi del contributo che può derivare dalla nuova frontiera tecnologica dell’analisi in logica predittiva, grazie a tecniche di intelligenza artificiale e machine learning".

Localizzazione, gestione delle immagini, accesso a data base, applicativi, per Motorola vuol dire progressivamente passare da puro fornitore di infrastuttura e sistemi per comunicazioni radio a fornitore a 360 gradi”. “In futuro – aggiunge Lorenzo Spadoni, Key Account Government & Public Safety Motorola Solutions - le reti broadband acquisiranno un livello di resilienza e ridondanza tali da permettere portare su questa tecnologia servizi mission critical che finora sono stati limitati a sistemi radio”

Il processo di trasformazione di Motorola Solution è quindi conseguente l’affermazione della disponibilità di dati che possono essere acquisiti da sensori e dispositivi mobili. La mission resta la stessa. Cambiano i presupposti tecnologici che in prospettiva sfrutteranno un più ampio spettro di infrastrutture e una conoscenza fruibile attraverso terminali di nuova generazione.

La diversificazione dell’offerta avverrà per crescita organica e attraverso acquisizioni e investimenti mirati. Un esempio di quanto possibile realizzare è la soluzione che è stata messa a punto con la tecnologia Neura, una società di cui Motorola è venture capitalist. La soluzione serve al riconoscimento automatico delle immagini. Può essere per esempio utilizzata dalle forze dell’ordine per rintracciare una persona. Una volta comunicato il nome della persona da identificare la telecamera portatile in utilizzo sarà in grado di inquadrare i vari soggetti e intercettarne la presenza.

Sul fronte dell’interoperabilità con reti dati Motorola è già in uno stadio avanzato. E’ stato infatti reso disponibile Wave, una soluzione che viene offerta in varie versioni – dedicata primariamente agli operatori di sicurezza pubblica o per grandi o piccole organizzazioni, anche in cloud – e che permette di fare push to talk da dispositivi broadband e al contempo interagire e interconnettersi con reti radio.

Progettato per connettere gruppi di lavoro dei settori manifatturiero, hospitality, utility, educazione e altri settori, WAVE OnCloud fornisce un servizio push-to-talk (PTT) per radio, smartphone, tablet e computer tramite la semplice pressione di un tasto dedicato. Tra i servizi principali offre anche il riconoscimento, la messaggistica e la condivisione della posizione.
Pubblicato il: 19/09/2017

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione