Logo ImpresaCity.it

La metà delle imprese sviluppa nuovi progetti in cloud

Le piattaforme SaaS o PaaS sono indicate come preferite per l’implementazione di nuove applicazioni di business, a detrimento dei data center onsite.

Autore: Redazione ImpresaCity

ServiceNow ha pubblicato uno studio intitolato “The Cloud Computing Tipping Point”, in base al quale il tasso di adozione del cloud corrisponde ormai all'interesse mediatico fin qui suscitato, soprattutto grazie all'influenza del fenomeno DevOps, ormai esteso a diverse tipologie di imprese.
Per comprendere meglio i risvolti di questa tendenza, il fornitore di servizi cloud ha fatto realizzare agli analisti di ReRez Research una ricerca costruita su un campione di 1.850 dirigenti di medio e alto livello nel mondo, appartenenti alle aree dell'It, delle operations e dello sviluppo.
Il 52% degli interpellati ha dichiarato che sceglierebbe il cloud, sotto la forma di SaaS o PaaS, come piattaforma privilegiata per l'implementazione di nuove applicazioni di business, a detrimento dei data center presenti on-site. Il 77% ha messo che procederà a qualche forma di migrazione nei prossimi due anni.
Più impressionante è il fatto che il 94% delle aziende abbia dichiarato di partecipare, in un modo o nell'altro, al movimento DevOps, in larga parte con la convinzione che si tratti di un fattore importante della transizione verso un approccio “cloud first”.
Pur nello scenario fin qui delineato, nuove competenze It vengono comunque ritenute necessarie. L'89% delle realtà orientata in modo deciso verso il cloud dichiarato che il proprio personale informatico non dispone oggi del know how richiesto per gestire questo passaggio. Per altro verso, 88 percento stima che il cloud possa sostituirsi a un servizio It formale, almeno in modo parziale. Secondo il 64% del campione, la migrazione deve basarsi su una visibilità a 360 gradi e richiede una prevedibilità dei costi.
L'affermazione della filosofia DevOps costringerà i team informatici ad affrontare l'apparizione di un crescente numero di applicazioni di business bottom up e sarà loro compito fornire strumenti di codifica a diverse componenti dell'azienda. Allo stesso tempo, sarà necessario assicurare la sicurezza dell'ambiente di business, anche per ragioni di conformità, delegando task di sviluppo ha un crescente numero di collaboratori che dispongono di competenze DevOps.
Infine, la crescita del cloud porterà all'attivazione di regole di gestione più agili e di best practice. Le imprese dovranno confrontarsi con un numero di fornitori superiore, più vario, ma anche dinamico. L'integrazione e la gestione dei servizi, così come quella dei fornitori, giocherà un ruolo via via più importante.
Pubblicato il: 07/12/2016

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Stampanti e gestione documentale

speciali

Quale futuro per le applicazioni d’impresa?