Logo ImpresaCity.it

Barilla cerca maggiore efficienza aprendosi al Cpm

Scelta la soluzione di Corporate Performance Management di Tagetik per la produzione del rapporto annuale e la pianificazione finanziaria delle entità europee del gruppo.

Autore: Redazione ImpresaCity

Il gruppo Barilla ha deciso di spingere in direzione dell'adozione di una soluzione di Corporate Performance Management, per aumentare l'efficacia della pianificazione finanziaria e della reportistica consolidata su scala europea.
Per raggiungere i propri obiettivi, l'azienda parmigiana ha deciso di adottare l'ultima versione del software Tagetik 5, che integra le funzionalità di Collaborative Decision Management (Cdm), utili per consolidare le diverse attività di redazione e di calcolo necessarie per la realizzazione dei rapporti annuali.
Tagetik 5 sostituirà anche il sistema esistente di pianificazione finanziaria, in modo da poter sfruttare la logica della partita doppia e di gestire in modo nativo le previsioni finanziarie del gruppo, lavorando in modalità cloud. "Il modello che abbiamo adottato è basato sull'integrazione dei dati di budget e di gestione con quelli contabili fiscali e finanziari - spiega Roberto Soresini, Group Planning & Managerial Process e Consolidation Financial Statements Director, Barilla G. e R. Fratelli SpA - per determinare gestire le variabili chiave del nostro business. Il nuovo sistema ci consentirà di elaborare il bilancio previsionale, ottenere un cash flow attendibile ed elaborare scenari di flussi finanziari in linea con le strategie aziendali".
L'implementazione dei nuovi strumenti di reportistica avanzata, attualmente in corso, andrà a sostituire utilizzo di diversi fogli di calcolo fin qui utilizzati per raccogliere gli indicatori di gestione dai differenti dipartimenti, ma anche per stabilire i flussi di attività, i task e i controlli collegati per redazione dei rapporti consolidati.
Pubblicato il: 27/10/2015

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Stampanti e gestione documentale

speciali

Quale futuro per le applicazioni d’impresa?