Logo ImpresaCity.it

Wildix, comunicazione unificata Made in Italy

Stefano Osler, CEO di Wildix, multinazionale italiana, spiega le potenzialità e i vantaggi della comunicazione unificata, cloud computing

Autore: Redazione

stefano-osler-ceo-wildix.jpgLa comunicazione unificata – afferma Stefano Osler, CEO di Wildix, multinazionale italiana che opera nel settore delle telecomunicazioni - riqualifica la comunicazione in azienda, potenziando gli strumenti e, incrementando velocità e precisione nelle operazioni di tutti i giorni.  

Quali sono le opportunità della comunicazione unificata per le imprese?
La comunicazione unificata, spiega Stefano Osler, rivoluziona il modo di lavorare delle imprese, mettendo a disposizione degli utenti uno strumento semplice e immediato per comunicare, qualsiasi sia la modalità con cui ciò accade: chat, chiamata, videoconferenza, SMS, FAX, email. Avere a portata di click, in un’unica interfaccia, tutti i diversi aspetti della comunicazione aziendale è ciò di cui oggi le imprese hanno bisogno per ottimizzare i flussi lavorativi. Non solo, una comunicazione efficace produce effetti positivi anche nei processi stessi del business: più velocemente si comunica, più rapidamente si prendono le decisioni e si limita il “work in progress” che spesso blocca o rallenta le scelte aziendali. Per questo motivo si parla di Communication Enabled Business Processes (CEBP), ossia di comunicazione che agevola e rende più fluidi i processi di business.Ma le Unified Communications non sono destinate solo alla comunicazione interna all'azienda, ma anche alla comunicazione che si rivolge verso l'esterno. WebRTC Kite, ad esempio, è il tool di Wildix che consente ai clienti di contattare direttamente l'intero team di un'azienda attraverso le pagine del sito (con chat, chiamate, videochiamate) grazie all'utilizzo della tecnologia WebRTC (Real Time Communication). 
Pubblicato il: 20/05/2015

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Stampanti e gestione documentale

speciali

Quale futuro per le applicazioni d’impresa?