Logo ImpresaCity.it

Sap Hana si sta trasformando in una piattaforma di integrazione

Si prepara l’arrivo della versione 9, che spinge ulteriormente sulla possibilità di migrare le applicazioni esistenti nella logica in-memory.

Autore: Redazione ImpresaCity

Anticipata alla recente conferenza per gli sviluppatori Teched & D-Code, si prepara l’arrivo della versione 9 di Sap Hana, che sarà disponibile tanto in modalità cloud che on-premise, anche se il peso della prima appare destinato a salire, nelle previsioni del vendor, tant’è che già nel 2014 si prevede una crescita del business intorno al 40%. Gli accordi stretti con Amazon, Microsoft e Ibm vanno nella stessa direzione.
Con la nuova release, si accentua l’evoluzione di Hana verso una piattaforma di servizi, ormai aperta anche ai software open source. L’integrazione delle applicazioni esistenti con il database in-memory si può effettuare con strumenti come Java, Html5, Jdbc o Cms (per i dati non strutturati), semplificando la creazione di gateway fra tutte le applicazioni esistenti o in corso di realizzazione e quindi consentendo, ad esempio, di creare in parallelo siti Web e applicazioni touch per dispositivi mobili su qualunque sistema operativo.
La versione 9 di Hana punta a interfacciarsi con differenti sistemi (cloud, mobile, legacy) per ottimizzare i carichi di lavoro. Un altro elemento importante è la sua “onnipresenza” e la capacità di integrazione legata alla capacità di spingere più facilmente i dati delle vecchie applicazioni per centralizzarle sul database in-memory. Il messaggio di Sap riguarda la volontà di far capire alle aziende che le gestione di ambienti eterogenei è più complessa e dispendiosa, ma sottende anche l’intenzione di svincolare, per quanto possibile, i propri clienti dall’utilizzo del rivale database di Oracle, ancora molto radicato.
I punti forti della nuova versione, in sintesi, riguardano la multitenancy (per semplificare il provisioning e la gestione di multipli carichi di lavoro), il dynamic tiering (per facilitare l’accesso a dati critici in un insieme molto esteso), l’integrazione di dati intelligenti e l’analisi della qualità, l’opzione integrata di diffusione dei dati per elaborare e analizzare grandi quantità in tempo reale e, infine, le performance migliorate sul motore e la memorizzazione di informazioni anche in forma grafica.
Pubblicato il: 19/11/2014

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione