Logo ImpresaCity.it

Oracle cerca spazio nella virtualizzazione

Nuovo hypervisor e appliance dedicate per riaffermare la volontà di giocare un ruolo non secondario rispetto ai leader del settore.

Autore: Redazione Impresa City

Oracle non intende lasciare campo libero a VMware, Microsoft e Citrix sul mercato della virtualizzazione. La conferma arriva dal ravvicinato annuncio della nuova versione dell’hypervisor Oracle Vm e della generazione 2.0 della soluzione Virtual Compute Appliance.
Oracle Vm 3.3 è un prodotto totalmente gratuito, che supporta le cosiddette Trusted partitions e si basa sull’ultima versione del kernel Linux di Oracle stessa per gli ambienti x86 e sulla tecnologia di virtualizzazione embedded dei chip Sparc per gli ambienti server Unix. Oltre a un’integrazione più stretta con OpenStack, l’hypervisor migliora il supporto dell’ambiente Windows Server.Vm Manager, inoltre, è integrato con MySql Enterprise Edition, abilitando backup automatici dei database e la verifica della consistenza della base dati.
Virtual Compute Appliance 2.0, invece, è un’appliance hardware progettata espressamente per la virtualizzazione, in un’ottica di convergenza, al pari di prodotti analoghi di Hp, Dell o Hds. Progettata per consentire l’implementazione facilitata di un’infrastruttura virtualizzata, l’appliance si basa su nodi x86 standard interconnessi via InfiniBand. L’insieme delle applicazioni fornite insieme all’hardware è offerta in modo gratuito ed è possibile utilizzare in modo illimitato sia Oracle Vm sia i sistemi operativi Solaris e Linux. 
Pubblicato il: 14/07/2014

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

F-Secure: Download PDF

speciali

HPE - Le tecnologie, le soluzioni