Logo ImpresaCity.it

Confcommercio su inflazione: spinta da fisco ed energia

Confcommercio: "Nel 2013 l'inflazione non scenderà sotto il 2%".

Autore: Redazione ImpresaCity

Il dato definitivo sull’andamento dell’inflazione a dicembre 2012 conferma l’aumento del 3,0% registrato nel complesso dell’anno, causato dalle tensioni sulle materie prime, in particolare energetiche, e dagli interventi sulle imposte. Anche i continui aumenti dei prezzi dei servizi pubblici locali (+4,9% nell’anno, +10,2% nel biennio 2011-2012) hanno contribuito ad accrescere il tasso d’inflazione.
Questi fenomeni hanno, dunque, gravato pesantemente sui redditi delle famiglie insieme alla stagnazione delle retribuzioni reali, con la conseguente eccezionale contrazione dei consumi.
Questo il commento dell’Ufficio Studi Confcommercio alle rilevazioni sull’inflazione a dicembre diffuse dall’Istat. 
Gli sforzi attuati dalle imprese della distribuzione - riporta una nota di Confcommercio - che, comprimendo i propri margini, hanno contribuito al rapido ridimensionamento delle dinamiche inflazionistiche registrato negli ultimi mesi del 2012, al fine di stimolare una domanda gravemente declinante, rischiano di essere compromessi nei prossimi mesi dal previsto aumento dell’IVA o di alcune tariffe e prezzi amministrati. Considerando gli effetti derivanti da questi interventi e dall’eredità inflazionistica dello 0,6%, difficilmente si potrà scendere, nella media del 2013, sotto la soglia del 2% complessivo.
Pubblicato il: 18/01/2013

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione