Logo ImpresaCity.it

Imprese e costi dei servizi. Ecco la situazione in Lombardia

Milano più competitiva per il prezzo dell'acqua. Bergamo e Lecco per i rifiuti.

Autore: Redazione ImpresaCity

Acqua e rifiuti solidi urbani sono tra le voci che incidono sui costi che le imprese lombarde sostengono ogni anno, secondo tariffe che sono spesso molto diverse da provincia a provincia e addirittura da Comune a Comune.
Ma quanto pagano le imprese lombarde? Dipende dal tipo di attività. Oltre 4 mila euro è la cifra che in media paga un ristorante tra acqua e servizi di raccolta e smaltimento rifiuti. Va meglio ai bar che all'anno versano circa 1.800 euro. Se consideriamo solo i rifiuti sono però gli alberghi le attività che versano di più (in media circa 3.200 euro) mentre i consumi di acqua salgono soprattutto per le imprese industriali (circa 14 mila euro all'anno).
Nel panorama regionale Milano è la più competitiva per il prezzo dell'acqua (in media una impresa industriale paga 4.400 euro in meno rispetto al dato medio lombardo, un ristorante 741 euro in meno, un bar 345 euro in meno e un parrucchiere 128 euro in meno). Pavia invece la provincia dove la spesa è più alta: + 57% per i parrucchieri, +45% per bar/pub, +41% per i ristoranti, +37% per le imprese industriali.
Se si considera invece la raccolta e smaltimento rifiuti è Bergamo la provincia dove alberghi e supermercati pagano meno (rispettivamente 2.311 e 942 euro/anno, il 28% ed il 29,5% in meno rispetto al dato lombardo) e Lecco la più economica per ristoranti, bar e ortofrutta (rispettivamente 1.139, 476 e 453 euro/anno, il 37%, il 26% e 39% in meno rispetto alla media regionale).
A Milano in media la spesa per i rifiuti è tra le più alte in regione soprattutto a causa delle tariffe applicate nei comuni dell'hinterland mentre in città la situazione si inverte: alberghi, bar e negozi di ortofrutta pagano in media rispettivamente il 19%, 13% e 4% in meno rispetto alla Lombardia. Fanno eccezione ristoranti e supermercati che pagano in media rispettivamente il 17% e il 76% in più.
Sono questi alcuni dei dati che emergono dai rapporti "La spesa delle imprese lombarde per il servizio idrico" e "La spesa delle imprese lombarde per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani" realizzati dalla Camera di commercio di Milano e da Unioncamere Lombardia tramite REF-Ricerche presentati oggi in Camera di commercio di Milano.  
Sul sito http://milano.repertoriotariffe.it/, inserendo i dati relativi al comune in cui ha sede la propria attività, al proprio consumo annuo in m3, alla categoria d'uso (per i consumi idrici) o all'attività esercitata (per i rifiuti solidi urbani) le imprese milanesi ora possono verificare quanto pagano per servizi idrici e rifiuti, confrontando le tariffe con quelle applicate negli altri Comuni della provincia.
Dal sito è possibile anche scaricare i regolamenti e le delibere che regolano le tariffe applicate per ogni comune.
Pubblicato il: 03/08/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

F-Secure: Download PDF

speciali

HPE - Le tecnologie, le soluzioni