Logo ImpresaCity.it

Sanità, la PA ha 40 miliardi di debiti verso le imprese

La Cgia di Mestre lancia l'allarme: i mancati pagamenti delle Asl e delle strutture ospedaliere nei confronti delle imprese italiane raggiungono i 40 miliardi di euro. Il fenomeno è diffuso soprattutto al sud (70%). Trentino, Friuli e Lombardia isole felici.

Autore: Redazione ImpresaCity

I mancati pagamenti delle Asl e delle Aziende ospedaliere italiane nei confronti delle imprese private raggiungono ormai (e forse addirittura superano) la soglia dei 40 miliardi di euro. A denunciare la situazione è la Cgia di Mestre, in una nota.
Si tratta, come è evidente, di una cifra imponente, che secondo l'istituto si è "accumulata negli anni a seguito dei ritardi con i quali la sanità salda i propri fornitori".
A livello medio nazionale, il dato relativo ai tempi medi di pagamento per la fornitura di dispositivi medici ha raggiunto i 299 giorni
La situazione è particolarmente critica al Sud: il 70% dei debiti fa capo a strutture del Centro-sud, e i tempi di pagamento hanno i loro picchi nelle regioni meridionali. Si va dai 925 giorni della Calabria agli 829 del Molise; i giorni registrati in Campania sono 771, 387 nel Lazio
Le oasi più felici, invece, sono le sanità del Trentino Alto Adige (92 giorni), del Friuli Venezia Giulia (94 giorni) e della Lombardia (112 giorni).  
Dal 2009 al 2011, solo sei Regioni hanno accorciato i tempi: la Valle d'Aosta ed il Trentino A.A. (-5 giorni), il Lazio (-9), la Lombardia (-13), la Basilicata (-48) e la Puglia (-92).
La Cgia riporta che con l'avvento della crisi, l'allungamento dei tempi di incasso delle fatture emesse dalle aziende fornitrici è aumentato in quasi tutte le Regioni, con una punta di 234 giorni registrata in Calabria.


Pubblicato il: 09/01/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione