Logo ImpresaCity.it

Emerson Network Power fotografa lo stato dei data center nel 2011

Nell'anno che sta per concludersi creati 1,2 trilioni di gigabyte (GB) di dati, l'equivalente di 75 miliardi di iPod da 16 GB. Se tutti i data center interrompessero la propria attività, il danno economico sarebbe di 320 miliardi di euro all'anno.

Autore: Redazione ImpresaCity

In attesa di verificare quali novità porterà il 2012, Emerson Network Power ha esaminato lo sviluppo e l'importanza crescente dei data center e ha pubblicato lo schema informativo "State of the Data Center 2011" relativo all'anno che sta per concludersi.  
Negli ultimi anni, i progressi tecnologici, la crescente dipendenza da internet e dai social media e la maggior focalizzazione sulle iniziative di gestione energetica hanno avuto un notevole impatto sul mondo del data center.
Lo schema illustra come sia cresciuta esponenzialmente la dipendenza di aziende e privati da questi sistemi.      
Ecco, in sintesi, i punti principali esaminati nel rapporto:  
Supportare internet
Quando gli internauti inseriscono una domanda in un motore di ricerca, acquistano sui siti Web le loro marche preferite o interagiscono con gli amici attraverso i social media, sono proprio i data center a rendere possibile tutto questo. Per esempio: in un fine settimana si concludono vendite online per 40 miliardi di euro, un valore superiore all'intera economia della Bulgaria. Con un'attività di questa dimensione e una tale dipendenza da Internet, avere una infrastruttura affidabile per il data center è più importante che mai.  
Grandezza del fenomeno
Quest'anno, si stima che saranno creati 1,2 trilioni di gigabyte (GB) di dati, l'equivalente di 75 miliardi di iPod da 16 GB. Come se ogni abitante della Terra avesse più di 10 iPod.  
Troppo grande per fallire
La crescente dipendenza dai data center esaspera le conseguenze dei tempi di fermo. Se tutti i 509.147 data center interrompessero il servizio 2,5 volte (sulla base di una media) per un periodo di 134 minuti, si avrebbero 2.842.737 ore di fermo, con una perdita totale di 320 miliardi di euro all'anno. Una somma sufficiente per acquistare uno yacht a tutti gli abitanti di Monaco di Baviera.  

Per consultare il rapporto completo, è possibile visitare la newsroom Emerson Network Power.
Pubblicato il: 21/12/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione