Logo ImpresaCity.it

Ibm, al via la seconda edizione di Smarter Cities Challenge

Avviato per il secondo anno il programma Ibm Smarter Cities Challenge, per un valore di 50 milioni di dollari.

Autore: Redazione ImpresaCity

Ibm ha annunciato che le città di tutto il mondo potranno presentare domanda per partecipare alla seconda edizione della Smarter Cities Challenge, un programma di donazioni triennale da 50 milioni di dollari, che prevede il coinvolgimento di 100 città e di esperti e consulenti tecnici di Ibm in grado di fornire consigli concreti ai centri urbani.
Questo programma consente alle città selezionate l'accesso ai talenti di Ibm, che dedicano alcune settimane ad analizzare le opportunità e le sfide che i comuni dovrebbero affrontare.
Dopo le consultazioni con funzionari, cittadini, imprese, esponenti del mondo accademico e leader della comunità, i team Ibm raccomandano le azioni da intraprendere per rendere l'erogazione dei servizi ai cittadini più efficiente e innovativa. 
I problemi affrontati riguardano occupazione, salute, sicurezza pubblica, trasporti, servizi sociali, tempo libero, istruzione, energia e sostenibilità.  
Come nel 2011, le città che si candideranno e che verranno selezionate devono dimostrare l'impegno a utilizzare tutti i dati urbani pubblicamente disponibili per aiutare a identificare i problemi locali e le relative soluzioni. 
A tal fine Ibm fornirà a ciascuna città vincitrice assistenza e supporto per poter usufruire di City Forward: un tool online gratuito, sviluppato dall'azienda che esplora trend e statistiche in modo visuale, con la possibilità di adattarli per lo studio di una varietà di problemi nelle varie città.  
L'osservazione di questi problemi in modo scientifico e sistematico fornisce elementi di conoscenza in grado di aiutare a definire soluzioni per problemi urgenti della città. I consulenti Ibm nel corso dell'anno passato hanno affrontato una gamma eterogenea di problematiche: dai trasporti alla sicurezza pubblica, dallo sviluppo economico all'analisi di bilancio. 
Di seguito sono riportati solo alcuni esempi dell'impatto che le attività promosse grazie a Ibm Smarter Cities Challenge hanno avuto lo scorso anno:
- Le città della Contea di Mecklenburg County,  Carolina del Nord, hanno concordato di creare un processo comune di pianificazione del bilancio degli investimenti e di coordinarsi più strettamente tra loro nella creazione e approvazione dei bilanci.  Hanno inoltre deciso di individuare e implementare congiuntamente gli obiettivi di sviluppo, condividere i dati del territorio e misurare le performance.
- La città di Edmonton in Canada, alle prese con un elevato tasso di incidenti stradali fatali, ha creato e pubblicato un piano per migliorare la sicurezza e l'efficienza del traffico e dei pedoni. Per sostenere questo impegno, Edmonton analizza attivamente una varietà di dati, si allea con organizzazioni per la ricerca e il monitoraggio dei trend e misura gli esiti in maniera rigorosa.
- La città di St. Louis, Missouri, in passato afflitta da un elevato tasso di criminalità, ha avviato cambiamenti significativi di leadership e delle attività operative quotidiane, con l'intento di migliorare la sicurezza pubblica.  I provvedimenti comprendono una collaborazione più formale e rigorosa tra tribunali, dipartimenti di polizia, ufficio del sindaco, pubblici ministeri e funzionari dei penitenziari.  L'obiettivo è utilizzare i dati per prendere decisioni più informate e accurate nel campo della giustizia penale.
- I leader municipali di Milwaukee, Wisconsin, il settore privato della città e le organizzazioni di agricoltura urbana locale stanno costituendo un Urban Agriculture and Aquaponics Council per promuovere l'industria dell'acquaponica: un approccio ecologico all'agricoltura, che ricicla l'acqua proveniente dagli allevamenti ittici per nutrire le colture senza l'impiego di concimi organici. I partecipanti desiderano collaborare in modo più efficace per rendere gli alimenti più sani, redditizi, disponibili e accessibili in termini di prezzo e, così facendo, creare opportunità e posti di lavoro locali. 
I fattori chiave per l'esito positivo delle domande di candidatura comprendono una forte leadership civica, la disponibilità a collaborare con molti stakeholder e il desiderio di rendere le proprie città più intelligenti ed efficienti. 
Le città dovranno anche sostenere sforzi concreti e misurabili, in grado di produrre un reale impatto sulla vita dei cittadini. Inoltre, i vincitori individueranno le aree strettamente connesse alle loro priorità, con il coinvolgimento di una serie di discipline e dipartimenti.
Pubblicato il: 28/10/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione