Logo ImpresaCity.it

Check Point, nuova release per la 3D Security

La nuova release R75.20 è concepita per incrementare la sicurezza con funzionalità integrate di Url Filtering, Ssl Inspection e Data Loss Prevention estesa.

Autore: Redazione ImpresaCity

Check Point Software Technologies ha annunciato la disponibilità di R75.20, nuova versione della sua suite di sicurezza basata su Software Blade Architecture.
R75.20 offre ai clienti un approccio globale alla sicurezza grazie a:
- Nuova Software Blade per lo Url Filtering - la più recente suite di sicurezza fornisce un controllo granulare per la navigazione in tempo reale e si integra con Application Control per l'implementazione unificata di tutti i controlli web. Oltre 100 milioni di siti e 240.000 tra applicazioni e widget Web 2.0 vengono ora classificati da Check Point in un motore web di categorizzazione basato su cloud.  
- SSL Inspection - R75.20 consente alle aziende di controllare il traffico SSL crittografato attraverso tutte le software blade, fornendo analisi di sicurezza approfondite e servizi di data loss prevention per applicazioni come Gmail, eBay e Facebook.  
- Data Loss Prevention (Dlp) - R75.20 amplia ulteriormente le funzionalità della soluzione Check Point DLP, consentendo ai clienti di proteggersi contro data leak interni. R75.20 si integra con Microsoft Exchange, permettendo alle aziende di controllare i dati circolanti all'interno dell'azienda per evitare violazioni che possono verificarsi tra utenti individuali o reparti.
Check Point ha anche introdotto due nuove offerte per sistemi high-end e data center, ovvero il sistema Check Point 61000 - nuova soluzione di sicurezza di livello carrier - e Check Point 21400 - una nuova appliance per i data center. Inoltre, con SecurityPower, l'azienda ha anche introdotto un nuovo parametro per misurare le prestazioni di sicurezza, che consente ai clienti di valutare le loro esigenze e confrontarle con la valutazione di SecurityPower Units (Spu) di ogni soluzione.
Anche la nuova suite di sicurezza R75.20 si vision basa sul concetto di 3D security, con cui Check Point definisce la sicurezza come un processo di business che combina policy, persone e applicazioni per una maggiore protezione attraverso tutti i livelli di sicurezza.
La nuova soluzione integrata di Url Filtering fornisce ai clienti un approccio globale per il controllo del web e sfrutta la tecnologia UserCheck di Check Point che invia alert ed educa i dipendenti circa le policy aziendali, consentendo loro di accedere a siti web e utilizzare applicazioni Internet quando necessario.
Rendere sicuro il web oggi significa molto di più di un semplice controllo sull'accesso a siti come Facebook, YouTube o Yahoo. Le aziende vogliono offrire ai dipendenti accesso per uso aziendale, ma anche controllare l'uso del web per ragioni di privacy, sicurezza, produttività e larghezza di banda. Con la soluzione integrata di Check Point, le aziende possono controllare facilmente l'accesso agli URL, ma anche ad applicazioni e widget specifici all'interno di questi siti - quali giochi, instant messaging o streaming media - che possono esporre la rete a malware o inibire la produttività aziendale.
Pubblicato il: 14/09/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione