Logo ImpresaCity.it

Siemens PLM Software: il Product Lifecycle Management favorisce la collaborazione e accelera l'innovazione

Uno studio commissionato da Siemens PLM Software ad Harvard Business Review su oltre 1.200 aziende multinazionali evidenzia il valore e l'impatto del PLM per aumentare l'efficienza delle attività di ricerca e sviluppo e migliorare i processi di progettazione.

Autore: Redazione ImpresaCity

Nell'economia post-recessione, le attività per lo sviluppo di prodotti vincenti saranno sempre più legate a strumenti IT avanzati, e guidate da questi, come ad esempio i software di gestione del ciclo di vita dei prodotti (PLM) e di collaborazione, che consentono a tutti gli addetti coinvolti nella realizzazione di un prodotto di condividere gli aggiornamenti, riutilizzare i dati e snellire i processi.
È questa una delle evidenze principali riportate da uno studio condotto su oltre 1.200 aziende multinazionali da Harvard Business Review Analytic Services, finalizzato a capire come si stanno posizionando le aziende per garantirsi la crescita dei ricavi nella fase di ripresa economica.
L'indagine è stata sponsorizzata da Siemens PLM Software, business unit di Siemens Industry Automation Division specializzata nella fornitura di software e servizi per la gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM, Product Lifecycle Management).
In un contesto di concorrenza globale sempre più forte e budget di ricerca e sviluppo sotto stretto controllo, è stato chiesto alle aziende di illustrare i loro piani per migliorare l'efficienza dell'R&D e di spiegare quale ruolo pensano che l'IT svolgerà nell'ambito di questi piani.
Le 1.214 società interpellate, appartenenti a diversi settori industriali, dal manifatturiero ai servizi professionali alla sanità, sono state anche interrogate sul ruolo svolto da partner e clienti nei loro processi di sviluppo dei prodotti, e sulle sfide principali che devono affrontare per implementare strumenti IT best-in-class a supporto delle loro attività di progettazione.
Ecco alcuni risultati emersi dal sondaggio:
- Dal 2008 il 55% delle aziende ha operato nell'ottica del miglioramento dell'efficienza R&D, attraverso strategia come l'uso di strumenti IT per favorire la collaborazione.
- La metà degli intervistati ha dichiarato che una delle priorità principali per il 2011 è aumentare il tasso di innovazione.
- Indicazioni e suggerimenti dei clienti sono la fonte più importante per nuove idee di prodotto.
- Oltre la metà delle aziende ha dichiarato che marketing, attività operative, vendite e amministrazione collaborano con il reparto R&D.
- Il 55% ha dichiarato che i partner sono una fonte importante di idee e supporto all'innovazione.
- Il 43% ha dichiarato che la tutela della proprietà intellettuale rappresenta una sfida nelle relazioni con organizzazioni esterne. 
Da tutto il campione è emersa chiaramente la stretta correlazione fra l'uso efficace dell'IT e il lancio di nuovi prodotti. Solo un'azienda su cinque interpellate ha giudicato "buona" la valutazione dei processi legati ai nuovi prodotti da parte della dirigenza.
Tuttavia, fra le organizzazioni nelle quali i reparti IT incoraggiano l'innovazione e l'adozione di nuovi strumenti come il PLM, quasi la metà dei dirigenti ha espresso un giudizio di "buono" rispetto ai propri processi di sviluppo dei prodotti. Al contrario, le aziende che non utilizzano strumenti IT per monitorare lo sviluppo di nuovi prodotti, o sono insoddisfatte del supporto fornito dal reparto IT in tal senso, hanno registrato un tasso maggiore di insoddisfazione rispetto ai risultati delle attività di innovazione dei prodotti e all'impatto sui ricavi dell'azienda.
Secondo il sondaggio, i cinque strumenti tecnologici più diffusi nelle realtà che ricevono un forte supporto dal reparto IT e operano con successo in ambito R&D sono:
- progettazione e analisi
- gestione dei fornitori
- gestione dei requisiti di prodotto
- gestione strategica del portafoglio di attività R&D
- processi di modifica e flussi di lavoro.
In relazione ai piani futuri per l'integrazione di strumenti IT più sofisticati nel processo di pianificazione dei prodotti, la gestione strategica del portafoglio viene giudicata come un elemento sempre più importante. Oltre due terzi delle aziende interpellate che utilizzano strumenti IT per monitorare lo sviluppo dei prodotti hanno dichiarato che la gestione del portafoglio assumerà grande importanza nella loro organizzazione entro due anni.
Oltre alla capacità di sviluppare un portafoglio migliore, hanno citato anche la possibilità di creare nuovi processi gestiti da team trasversali a diverse funzioni e collegati a partner esterni, assicurandosi in tal modo benefici fondamentali per la gestione del portafoglio di prodotti.
Infine, il sondaggio ha analizzato il valore attribuito ai partner nel processo di sviluppo dei prodotti. Oltre la metà delle aziende interpellate ha dichiarato che i partner sono importanti nella valutazioni legate al progetto. Entro il 2013, l'86% delle aziende prevede di avere almeno un progetto di prodotto in corso nato dall'idea di un partner.
Per visualizzare i risultati dettagliati dell'indagine, cliccare qui.
Pubblicato il: 05/05/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione