Logo ImpresaCity.it

Giustizia digitale, adesione (quasi) unanime degli uffici giudiziari italiani

Secondo dati del Ministero PA, sono 467 su 476 gli Uffici giudiziari che hanno aderito al Piano straordinario Alfano-Brunetta.

Autore: Redazione ImpresaCity

A un mese dall'avvio del Piano straordinario per la Giustizia Digitale si registra la quasi unanime adesione degli Uffici giudiziari (467 su 476) all'iniziativa dei ministri Angelino Alfano e Renato Brunetta.
In particolare, gli ultimi dati disponibili indicano come 344 Uffici giudiziari (il 72% del totale) abbiano formalmente aderito al Piano inviando una scheda di adesione che descrive i contenuti dell'intervento. Ulteriori 123 Uffici hanno invece dichiarato la loro disponibilità ad aderire al Piano e sono impegnati in queste ore nella compilazione delle rispettive schede di adesione.
Sono invece 9 gli Uffici che, secondo le ultime rilevazioni, hanno dichiarato di non essere interessati all'iniziativa.
Nella seconda metà di maggio avranno luogo le prime 20 installazioni dei sistemi di notifica, di gestione documentale degli atti e di gestione online dei pagamenti del Contributo Unificato Giustizia presso gli Uffici giudiziari più piccoli.
I Ministeri della Giustizia e per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione hanno inoltre comunicato che, a partire dalla prossima settimana, saranno avviati gli incontri tecnici per la definizione dei piani operativi di intervento presso gli Uffici giudiziari dei Comuni capoluogo.
Il calendario delle attività per i mesi successivi è basato su un serrato programma, con tempistiche di attuazione che prevedono fasi avanzamento modulate in archi temporali di due settimane.
Oltre alla partecipazione dei due Ministeri e di DigitPA, il Piano straordinario per la Giustizia Digitale coinvolge per gli aspetti di formazione e assistenza tecnica anche Invitalia, la Scuola Superiore per la Pubblica Amministrazione e il FormezPA.
Pubblicato il: 19/04/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione