Logo ImpresaCity.it

Steve Jobs sta per morire, parola di National Enquirer

Secondo la diagnosi a distanza "The National Enquirer", a Steve Jobs rimarrebbero solo sei settimane di vita. Il mondo della tecnologia resta col fiato sospeso.

Autore: Irene Canziani

Pochi mesi, forse solo sei settimane. È quanto resterebbe a Steve Jobs, fondatore e amministratore delegato di Apple, da vivere.
L'indiscrezione arriva da un tabloid statunitense, "The National Enquirer", che oggi pubblica (forse senza troppo tatto) alcune foto di Jobs e un'intervista a un dottore, Samuel Jacobson.
Negli scatti, Jobs si trova all'ingresso del Centro Oncologico di Stanford (lo stesso ospedale dove si curava l'attore Patrick Swayze) e appare, secondo le parole dello stesso giornale, "scheletrico".
Il dottor Jacobson, dalle pagine dell'Enquirer, si lancia quindi in una "diagnosi a distanza":  "a giudicare dalle foto, è vicino allo stadio terminale. Direi che gli restano sei settimane" sentenzia.
L'indiscrezione ha già fatto il giro del mondo, rimbalzando anche sulle pagine dei quotidiani italiani. Ma sulla sua attendibilità rimangono dei dubbi: il National Enquirer è noto per esercitare un tipo di informazione scandalistica, e già in passato alcune delle affermazioni riportate dal tabloid sono state smentite.
Rimane comunque alta l'attenzione della stampa e del mondo tecnologico rispetto alla salute di Jobs, che lotta da anni contro una rara forma di cancro al pancreas e il mese scorso aveva annunciato ai suoi dipendenti che avrebbe preso una pausa dal lavoro per "concentrarsi sul suo stato di salute".
Intanto, secondo alcune voci il fondatore di Apple sarebbe atteso stasera ad un incontro con il presidente Obama a cui parteciperanno anche altri imprenditori come Eric Schmidt e Mark Zuckerberg.
Pubblicato il: 17/02/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione