Logo ImpresaCity.it

Guardia di Finanza, nel 2010 quasi 50 miliardi non dichiarati

Pubblicato il Bilancio 2010 della GdF: tra i dati emersi 49,245 miliardi di euro non dichiarati al Fisco, 8850 evasori totali e 28.713 lavoratori irregolari.

Autore: Redazione ImpresaCity

Nel 2010, in Italia sono stati scoperti redditi non dichiarati al fisco per 49,245 miliardi di euro, un valore superiore del  46% rispetto al 2009. A renderlo noto è la Guardia di Finanza, che ha presentato il Bilancio 2010.
Nel nostro paese si sono contati 8850 evasori totali (+ 18% rispetto al 2009), ossia soggetti che pur svolgendo attività economiche  non avevano mai presentato le dichiarazioni dei redditi, per un totale di 20.263 miliardi di euro (+  47%  sul  2009) occultati al Fisco.
10,533 miliardi sono stati individuati dai casi di evasione fiscale internazionale, posti in essere mediante fittizie residenze di persone fisiche e società in paradisi fiscali, ovvero attraverso esportazioni di capitali in paesi off-shore. I  redditi evasi scoperti nel 2010 mediante queste condotte  sono aumentati dell'81% rispetto al 2009.
I casi  di  evasione  all'IVA (dovuta  e  non  versata)  individuati hanno un valore di  6,382  miliardi  di  euro (+6% rispetto al 2009).
Sono state poi riscontrate frodi all'IVA realizzate con il metodo delle cosiddette frodi "carosello" per 2,763 miliardi di euro (+ 3% sul 2009). Le frodi venivano attuate mediante l'interposizione di imprese "cartiere" (costituite cioè al solo scopo di far girare fatture false) che acquistano merci da altri Paesi comunitari e da San Marino in sospensione d'IVA, le rivendono ai reali destinatari Comando Generale della Guardia di Finanza applicando l'imposta, ma poi omettono di versare le somme all'erario, svanendo nel nulla dopo poco tempo. 
Se si guarda al  biennio 2009–2010, l'evasione di IVA collegata a frodi "carosello" ammonta, nel complesso, a 5,5 miliardi di euro, pari al 44,7% dei 12,3 miliardi di euro di IVA evasa complessivamente scoperta dalla Guardia di Finanza nel medesimo arco temporale.
Infine, l'attività della GdF ha permesso di identificare  28.713  lavoratori irregolari, di cui  18.541 completamente in nero (+ 12% rispetto all'anno precedente), impiegati illegalmente da 7.822 datori di lavoro; significativo che   5.508 lavoratori fossero di origine extracomunitaria.
Pubblicato il: 01/02/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

F-Secure: Download PDF

speciali

HPE - Le tecnologie, le soluzioni