Logo ImpresaCity.it

Istat: retribuzioni +1,5% su anno, dato più basso dal 1999

Le retribuzioni contrattuali rimangono stabili mese su mese ma aumentano dell'1,5% su base annuale: si tratta del dato tendenziale più basso dal 1999.

Autore: Redazione ImpresaCity

Nel mese di ottobre, l'indice delle retribuzioni contrattuali orarie è rimasto invariato rispetto al mese precedente ed è aumentato dell'1,5% rispetto a ottobre 2009: si tratta del dato tendenziale più basso dal 1999. Lo rende noto l'Istat.
La sostanziale stabilità delle retribuzioni è dovuta secondo l'istituto "all'impatto molto limitato degli adeguamenti contrattuali osservati nel mese".
La crescita registrata nel periodo gennaio-ottobre 2010, rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente, è invece del 2,2%.
I settori che presentano gli incrementi più elevati a livello tendenziale sono telecomunicazioni (4,5%), servizi di informazione e comunicazione (3,5%), tessili, abbigliamento e lavorazione pelli (3,1%). Gli incrementi minori si osservano, invece, per trasporti, servizi postali e attività connesse (0,3%) e forze dell'ordine (0,5%).
Alla fine di ottobre 2010 i contratti collettivi nazionali di lavoro, in vigore per la sola parte economica, interessano il 62,3% degli occupati dipendenti rilevati per il periodo di riferimento degli indici (dicembre 2005); a essi corrisponde una quota del 59,3% del monte retributivo osservato.
Relativamente all'insieme dei contratti monitorati dall'indagine nel mese di ottobre è scaduto l'accordo per i dipendenti degli studi professionali e ne sono stati rinnovati due: estrazione minerali solidi e scuole private religiose.
A ottobre, pertanto, i contratti in vigore sono 37 (uno in più rispetto al mese precedente) e regolano il trattamento economico di circa 8,1 milioni di dipendenti; a essi corrisponde un'incidenza in termini di monte retributivo pari al 59,3%.
Sono, invece, in attesa di rinnovo 41 accordi, relativi a circa 4,9 milioni di dipendenti e al 40,7% del monte retributivo totale.
Pubblicato il: 30/11/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

F-Secure: Download PDF

speciali

HPE - Le tecnologie, le soluzioni