Logo ImpresaCity.it

Sono oltre 17 milioni i certificati di malattia trasmessi via Web

Secondo i dati del Ministero dell'Economia e delle Finanze, la media regionale di medici di famiglia dotati delle credenziali necessarie all'invio dei certificati online ha ormai raggiunto il 90%.

Autore: Redazione ImpresaCity

Secondo gli ultimi dati ufficiali forniti dall'INPS, grazie alla nuova procedura per l'invio telematico dei certificati di malattia dei lavoratori pubblici e privati, a oggi sono stati trasmessi complessivamente via web ben 1.731.716 documenti. Solo nell'ultima settimana i medici hanno inviato all'INPS circa 166.000 certificati (di cui 42.862 nelle ultime 24 ore), portando il volume medio di invii giornalieri a 23.660 unità, con un incremento del 24% rispetto la media di invii giornalieri dello scorso mese di ottobre.
I certificati trasmessi via web sono così distribuiti a livello regionale: 681.561 in Lombardia, 235.461 nel Lazio, 136.317 in Veneto, 95.871 in Campania, 93.984 in Sicilia, 91.020 in Emilia Romagna, 68.197 nelle Marche, 44.727 in Piemonte, 42.803 in Puglia, 38.206 in Abruzzo, 34.059 nella Provincia di Bolzano, 33.789 in Toscana, 33.171 in Calabria, 18.763 nella Provincia di Trento, 18.730 in Liguria, 15.947 in Sardegna, 14.283 in Umbria, 13.635 in Basilicata, 7.855 in Friuli Venezia Giulia, 7.444 in Valle d'Aosta, 5.893 in Molise.
Il crescente impatto della nuova procedura emerge chiaramente confrontando il numero dei documenti cartacei del 2009 con quelli inviati via web del 2010. A livello nazionale, la quota di certificati di malattia dei lavoratori privati INPS trasmessi online rispetto al totale dei certificati acquisiti dall'Istituto in modalità cartacea nello stesso periodo del 2009 è cresciuta in modo costante negli ultimi mesi, passando dal 20% di agosto, al 45% di settembre, al 56% di ottobre. Le prime stime di novembre confermano questa tendenza, indicando un tasso di copertura del digitale giornaliero attestato intorno al 57%.
A livello territoriale, spicca la Lombardia dove il numero medio quotidiano di certificati dei lavoratori privati INPS trasmessi online è abbondantemente superiore a quello dei certificati acquisiti tramite canale cartaceo nello stesso periodo di un anno fa. Seguono il Lazio, dove il numero di certificati digitali è pari a quello di certificati acquisiti in modalità cartacea un anno fa, poi la Sicilia e il Veneto, dove il volume di certificati digitali inviati in media ogni giorno è pari a oltre la metà di quelli acquisiti in modalità cartacea nel 2009.
Pubblicato il: 25/11/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione