Logo ImpresaCity.it

BSA, abbattendo la pirateria aumentano i vantaggi economici per l'intero sistema

Uno studio di IDC dimostra che ridurre il tasso di pirateria software in Italia del 10% in due anni invece che in quattro produrrebbe un incremento del 37% sia nel PIL che per l'Erario.

Autore: Redazione ImpresaCity

Ridurre la pirateria software crea un effetto domino sull'intero sistema, alimentando nuovi investimenti nella distribuzione e nei servizi collegati all'Information Technology. E più rapida è tale riduzione nel tasso di pirateria, più sensibili ne risultano le positive ricadute economiche: infatti, questa spesa genera nuova occupazione ed entrate fiscali. Sono fra i risultati della nuova ricerca promossa da Business Software Alliance (BSA) e realizzata da IDC, leader mondiale nelle ricerche di mercato sul settore IT, che analizza l'impatto di una auspicata riduzione dei tassi di pirateria sui software per PC pari a 10 punti percentuali nei sistemi economici di 42 nazioni.  
Lo studio "The Economic Benefits of Reducing Software Piracy" rileva dunque che riducendo l'attuale tasso di  pirateria software (pari al 49% in Italia, come indica l'annuale Global Piracy Study) di 10 punti percentuali in un arco di 4 anni si creerebbero ben 7.538 nuovi posti di lavoro nelle nuove tecnologie, circa 3.637 milioni di euro in termini di nuovi volumi d'affari sviluppati e oltre 1.245 milioni di euro di ulteriori entrate fiscali entro il 2013, di cui l'80% rimarrebbe all'interno dell'economia nazionale.
Inoltre, la ricerca stabilisce che detti vantaggi risultano maggiori laddove il tasso di pirateria software venga ridotto in tempi più rapidi: se, ad esempio, l'Italia fosse in grado di ridurre la pirateria del 10% nell'arco di soli 2 anni invece di 4, ciò rappresenterebbe un impulso sia per il sistema economico complessivo che per l'Erario pari al 37%.
A livello globale, i dati evidenziano che una riduzione della pirateria del 10% nei prossimi 4 anni produrrebbe quasi 100 miliardi di euro in attività economiche incrementali nel raggio delle 42 nazioni oggetto dello studio, sempre con oltre l'80% dei vantaggi che affluirebbero alle economie locali. Tale riduzione creerebbe inoltre circa 500.000 nuovi posti di lavoro ad elevata qualificazione e genererebbe oltre 22 miliardi di euro di nuove entrate per i sistemi fiscali delle rispettive nazioni interessate.  
Concentrare i vantaggi di tale riduzione in un arco di soli 2 anni aggiungerebbe ulteriori benefici economici in ragione del 36%, così producendo quasi 135 miliardi di euro in attività economiche incrementali e generandone 30 in termini di nuove entrate fiscali entro il 2013.  
Per ulteriori informazioni e una dettagliata analisi della metodologia di ricerca, è possibile consultare lo studio completo sul sito: www.bsa.org/piracyimpact.
Pubblicato il: 17/09/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione