Logo ImpresaCity.it

Ambrosetti: Italia statica, mancano prospettive di crescita

Non lascia molto spazio all'ottimismo la relazione di Valerio De Molli, con cui si sono aperti i lavori del The European house- Ambrosetti che da oggi a domenica vedrà protagonisti i più importanti politici, eocnomisti, manager, studiosi e professori di tutto il mondo.

Autore: Redazione ImpresaCity

"Dopo un lungo periodo di incertezza ed assestamento - ha detto De Molli, Managing Partner Ambrosetti - le previsioni di crescita del pil delle economie principali del mondo evidenziano una chiara dicotomia".
Da una parte, Cina e India che, nonostante tutto, crescono quasi a doppia cifra (9,95% e 7,7%, rispettivamente). Subito dietro, un nutrito gruppo di paesi, denominati "The Next Eleven", ovvero "Gli Undici Successivi", (Bangladesh, Egitto, Indonesia, Iran, Messico, Nigeria, Pakistan, Filippine, Sud Corea, Turchia e Vietnam) che crescono ad un ritmo superiore al 4%. In fondo al gruppo, le economie "sviluppate", la cui capacità di crescita sembra però essersi clamorosamente inceppata, incapace di superare la soglia del 2-2,55 all'anno.
Non si può generalizzare, ma "anche l'Italia conferma una situazione in prospettiva di staticità. Non sembra essere possibile, nella situazione attuale, una previsione di ripresa significativa".
Si è confermato, in particolare, come unica certezza che "il cambiamento e la discontinuità avanzano inesorabili coinvolgendo tutto e tutti. Soprattutto quelle istituzioni  e organizzazioni statiche, senza un reale rinnovamento e con poche idee."
Pubblicato il: 03/09/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

F-Secure: Download PDF

speciali

HPE - Le tecnologie, le soluzioni