Logo ImpresaCity.it

Negli Usa Hewlett-Packard richiama altre 54mila batterie, notebook a rischio incendio

A distanza di un anno da un'analoga iniziativa, Hp ha deciso di ritirare altre 54mila notebook negli Usa, a causa di batterie difettose che potrebbero prendere fuoco.

Autore: Redazione ImpresaCity

I computer portatili Hp a casa: è stata infatti estesa l'attività di ritiro dei notebook della società a causa dei pericoli connessi alle batterie difettose.
Come già richiesto tempo fa, per l'esattezza nel mese di maggio del 2009, Hewlett-Packard si mobilita per evitare incidenti, anche pericolosi, a causa di guasti strutturali delle batterie.
Secondo quanto reso noto, sembra che le batterie pericolose non siano in grado di gestire caricamenti prolungati. In caso l'utente carichi la batteria a lungo, c'è il rischio che il surriscaldamento provochi micro-rotture, in grado di provocare potenziali ustioni.
Se l'anno scorso le batterie ritirate furono 70mila, con l'iniziativa attuale Hp punta a riprendere in mano 54mila dispositivi potenzialmente difettosi.
L'annuncio dell'attuazione di queste misure preventive è stato dato dalla società e dall'U.S. Consumer Product Safety Commission. La Commissione avrebbe inoltre spiegato come la decisione sia giunta dopo una quarantina di casi di surriscaldamento: secondo quanto messo in luce, 11 avrebbero portato al ferimento di persone e 31 al danneggiamento dei dispositivi.
Ecco le sigle delle batterie potenzialmente difettose:
allarme-per-batterie-a-rischio-incendio-hp-ritira--1.jpg
I modelli interessati sono i portatili Pavilion, G6000, G7000, Compaq Presario e Compaq, venduti negli store Usa e sui siti hp.com e hpshopping.com, tra l'agosto 2007 e il luglio 2008.
Pubblicato il: 24/05/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione