Seat PG e Confcommercio, insieme per l'innovazione delle Pmi

Seat PG e Confcommercio, insieme per l'innovazione delle Pmi

Siglato un Protocollo d'Intesa che ha l'obiettivo di rendere gli attori economici italiani più competitivi sui mercati nazionali e internazionali.

di: Redazione ImpresaCity del 15/04/2011 09:05

 
Rafforzare la competitività delle piccole e medie imprese italiane, facendo leva in particolare sulle tecnologie digitali, per consentire agli attori economici di essere maggiormente efficaci sui mercati nazionali e internazionali: è questo l'obiettivo primario del Protocollo d'Intesa siglato da Seat PG e Confcommercio
L‘accordo - strategico per lo sviluppo e la crescita delle Pmi che rappresentano l'ossatura del sistema economico del nostro Paese - consentirà la messa a fattor comune di competenze, esperienze e presidio sul territorio dei due leader, individuando e promuovendo nuove forme di crescita e di sviluppo.
Il Protocollo d'Intesa prevede, a tal fine, la realizzazione di indagini mirate a comprendere sempre più approfonditamente le esigenze dei diversi segmenti di mercato in cui operano le imprese, interventi formativi sull'utilizzo delle tecnologie digitali - strumento imprescindibile per colmare il gap di competitività che frena lo sviluppo e l'evoluzione delle realtà imprenditoriali italiane - e l'erogazione di consulenza, servizi e prodotti che soddisfino specifiche esigenze di clienti e associati.
In particolare, Seat PG, attraverso i 180 Web Point, il principale network di agenzie multimediali presenti su tutto il territorio italiano, fornirà consulenza sull'utilizzo strategico delle nuove tecnologie digitali per le aziende, nella convinzione che un forte impulso ai benefici che questi strumenti possono portare alle Pmi rappresenta uno degli strumenti chiave per ridurre il gap con le altre realtà europee più evolute.
"Questo accordo nasce con l'obiettivo condiviso di influire positivamente sullo sviluppo del sistema paese, attraverso il sostegno alle PMI italiane", ha dichiarato Alberto Cappellini, amministratore delegato di Seat PG. "Siamo convinti che questo percorso non possa prescindere da un utilizzo strategico e diffuso delle tecnologie digitali: in Italia quasi due imprese su tre non hanno un proprio sito internet ma, in base alla nostra esperienza, sappiamo che anche i piccoli imprenditori sono pronti alla sfida del web. Con Confcommercio intendiamo appunto favorire e accelerare questa transizione al digitale, offrendo formazione, servizi e prodotti semplici e accessibili, che possano portare valore alle migliaia di esercizi commerciali e piccole realtà imprenditoriali su tutto il territorio", ha concluso Cappellini. 
"Per le Pmi e le imprese dei servizi in particolare, che non si sono mai sottratte alle sfide per la modernizzazione – ha dichiarato il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli - l'innovazione è certamente sinonimo di dura competizione ma, al tempo stesso, è anche un eccellente propellente per il conseguimento di maggiore produttività. E questo accordo va proprio nella direzione di ridurre il digital divide che caratterizza l'impresa diffusa del nostro Paese attraverso un utilizzo condiviso di strumenti, servizi e know how, per rafforzare la competitività delle nostre imprese e valorizzarne le capacità innovative e creative. Punto di forza, quest'ultimo, che spesso determina proprio la permanenza sul mercato delle imprese stesse".
Il primo passo concreto nell'ambito di questo accordo è il lancio di una indagine sul tema dell'utilizzo delle tecnologie digitali nelle Pmi.
L'indagine sarà veicolata a livello territoriale attraverso i circa 1.500 agenti Seat PG sul territorio e via web accedendo al sito www.pmieweb2011.seat.it oppure www.pmiewebconfcommercio.seat.it, e sarà promossa dai canali di comunicazione di Seat e di Confcommercio.
I risultati saranno presentati a livello nazionale e successivamente disaggregati a livello provinciale a partire dal secondo semestre 2011.

Potrebbe anche interessarti:

 

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Notizie dal Web

...continua