Logo ImpresaCity.it

Medie imprese, sempre più strategico il ruolo del Cfo

Uno studio condotto da Ibm mette in luce la crescente importanza del ruolo dei Chief Financial Officer all'interno delle medie imprese e le difficoltà maggiori che essi incontrano.

Autore: Redazione ImpresaCity

Circa tre quarti dei Chief Financial Officer delle medie imprese indica tra le esigenze prioritarie quella di avere processi decisionali più rapidi e di ridurre i costi. I Cfo di tali imprese ritengono che le pressioni esterne (economiche, di settore, normative) aumenteranno nei prossimi tre anni e quindi la maggior parte di loro ritiene di dover introdurre importanti cambiamenti per far fronte ai nuovi scenari.
È quanto emerge da uno studio globale condotto da Ibm su un campione di più di 1.900 Cfo e direttori finanza di alto livello, provenienti da 81 Paesi e 35 settori. 
Sempre più spesso i Cfo delle medie imprese sono chiamati a intervenire su questioni decisive per il business quali il cambiamento della domanda, le pressioni dei prezzi, l'evoluzione dei modelli di business, la strategia delle informazioni e allocazione delle risorse. 
La grande maggioranza degli intervistati ha sottolineato un divario significativo tra l'importanza dei temi chiave nell'agenda dei Cfo e la loro efficacia nell'esecuzione
I divari maggiori sono stati riscontrati nel promuovere l'integrazione delle informazioni (32%), nello sviluppo dei talenti (28%), nella consulenza in tema di strategia aziendale (27%), nella gestione e mitigazione del rischio d'impresa (24%).
Se da un lato i risultati indicano che i Cfo rivestono un ruolo sempre più significativo nelle questioni strategiche e operative, per aiutare l'azienda a prendere decisioni migliori più rapidamente, i Cfo delle medie imprese segnalano comunque difficoltà nelle aree dell'efficienza finanziaria e del business insight: oltre il 40% delle aziende produce le metriche finanziarie manualmente; il reparto Finanza dedica oltre il 50% del tempo ad attività transazionali e il 50% non dispone di una piattaforma di pianificazione comune; il 36% non dispone di una piattaforma di reportistica comune; circa il 60% non è soddisfatto della propria capacità di pianificazione operativa e di analitica previsionale; Il 47% è scarsamente o mediamente efficace nel prevedere le forze esterne.
Per dare un contributo di valore è importante riuscire a diventare "integratori di valore",  stimolando due qualità essenziali in tutta l'organizzazione:
- Efficienza della divisione Finanza. Il grado di standard comuni in termini di processi e dati in tutta l'organizzazione;
- Business insight. Il livello di maturità del talento, della tecnologia e della capacità analitica della divisione Finanza per poter fornire ottimizzazione gestionale, pianificazione ed elementi di conoscenza strategici.
Per consultare i risultati completi della ricerca e lo studio dei casi è possibile visitare www.ibm.com/cfostudy.
Pubblicato il: 13/04/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione