Logo ImpresaCity.it

Blue Coat e Ibm insieme per la sicurezza Web

Grazie all'accordo tra le due aziende, sarà possibile contare su una maggiore protezione per le applicazioni in ambito Web e la gestione di policy.

Autore: Redazione ImpresaCity

Per effetto di un accordo stretto tra le due aziende, gli utenti delle appliance Blue Coat potranno contare sulle funzionalità di sicurezza IBM, la quale metterà a disposizione dei clienti nuovi e già acquisiti un nuovo Secure Web Gateway con servizio di sicurezza gestito.  
Secondo Idc il mercato della sicurezza Web registrerà una crescita pari a 2,5 miliardi di dollari entro il 2013, spinta dall'enorme proliferazione delle minacce Web e dall'adozione di tecnologie di nuova generazione. Lo studio esamina le conseguenze dalle nuove vulnerabilità legate alle tecnologie Web 2.0 e sottolinea l'importanza dell'adozione dei più aggiornati strumenti di sicurezza Web per combattere queste nuove minacce.  
La proposta prevede un approccio per la riduzione delle minacce basato prima di tutto sul monitoraggio e la gestione della soluzione Blue Coat Secure Web Gateway 24 ore su 24, alla quale viene affiancato un portafoglio diversificato e integrato di soluzioni di sicurezza a cui si può accedere attraverso un unico portale Web dedicato ai clienti. Inoltre, viene messa a disposizione la ricerca dedicata di IBM X-Force sulle minacce alla sicurezza e le vulnerabilità in continua evoluzione, accompagnata da un approccio modulare all'acquisto e all'impiego di un'architettura flessibile dell'infrastruttura.  
L'annuncio si colloca nel quadro  della strategia di IBM Security Solutions volta a realizzare prodotti e servizi di livello superiore insieme ad accordi di collaborazione con partner di settore per la realizzazione di una gamma di offerte volte a soddisfare le esigenze dei clienti.
Dal canto suo, la soluzione Blue Coat presenta un design ibrido che abbina a un'apparecchiatura in loco un sistema di difesa collaborativo in-the-cloud per fornire informazioni sulla sicurezza on-demand relativamente a contenuti Web sconosciuti e per l'implementazione di policy IT aziendali.
La soluzione è costituita dalle appliance ProxySG e ProxyAV che intervengono a livello del gateway Internet per il rilevamento antivirus in linea e l'implementazione delle policy IT, WebFilter per la classificazione dei contenuti, il servizio WebPulse per valutazioni dinamiche e ProxyClient per estendere le protezioni e le policy agli utenti remoti.  
Pubblicato il: 08/03/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione