Logo ImpresaCity.it

IBM e Ubuntu, alternativa a Windows 7

IBM e lo sviluppatore Canonical hanno svelato un progetto comune riguardante un’architettura open source per Pc desktop. Il client IBM per Smart Work taglierà i costi del 50% i costi di dotazione dei Pc e offre un’altrernativa a Windows 7.

Autore: Redazione ImpresaCity

IBM e Canonical, sviluppatore Linux Ubuntu, hanno annunciato una nuova architettura open per Pc, progettata in comune.
I vantaggi dichiarati dalle due aziende sono interessanti, soprattutto in ambito business: il nuovo software abbasserebbe i costi di deploy delle macchine e offrirebbe una valida alternativa alla migrazione a Windows 7.
Questa nuova soluzione, il client IBM per Smart Work, include il sistema operativo Ubuntu per Pc desktop, la suite da ufficio Lotus Symphony, Lotus Notes e gli strumenti collaborativi di social networking cloud-based LotusLive
Inoltre, come dichiara Antony Satyadas, global marketing strategist di IBM, “il cambio da Windows Xp a Windows 7 non è tanto un upgrade, quanto una costosa migrazione. Perciò i consumatori sono aperti anche ad altre alternative”.
“Il client IBM per Smart Work può essere utilizzato con nuovi e vecchi Pc, laptop e persino netbook”, continua Satyadas, e aggiunge “per i consumatori che stanno considerando l’implementazione di un’architettura virtual desktop, IBM sta lavorando con la texana Virtual Bridge e la sua tecnologia denominata Verde”.
Pubblicato il: 26/10/2009

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione