Certificati medici online: trasmessi all'INPS oltre 1.560.000 documenti

Certificati medici online: trasmessi all'INPS oltre 1.560.000 documenti

Continua a crescere il numero dei certificati di malattia dei lavoratori pubblici e privati inviati con il nuovo sistema di trasmissione telematica.

di: Redazione ImpresaCity del 19/11/2010 10:30

 
Secondo i dati forniti dall'INPS, nell'ultima settimana i certificati di malattia trasmessi via web sono stati circa 160.000 (di cui oltre 37.000 nelle ultime 24 ore), con un volume medio di invii giornalieri di oltre 22.500 unità. Complessivamente i certificati inviati con il nuovo sistema ammontano a 1.566.097 unità.
A livello territoriale, il flusso dei certificati di malattia online risulta così distribuito: 628.438 in Lombardia, 208.529 nel Lazio, 122.285 in Veneto, 86.220 in Campania, 82.370 in Sicilia, 80.411 in Emilia Romagna, 63.185 nelle Marche, 39.473 in Piemonte, 37.311 in Puglia, 34.981 in Abruzzo, 31.826 nella Provincia di Bolzano, 29.884 in Calabria, 29.340 in Toscana, 17.127 nella Provincia di Trento, 16.864 in Liguria, 13.929 in Sardegna, 12.793 in Umbria, 12.640 in Basilicata, 6.825 in Valle d'Aosta, 6.399 in Friuli Venezia Giulia, 5.267 in Molise.
Sulla base dei dati forniti dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, rimane elevata la media regionale dei medici di famiglia abilitati ad accedere al nuovo sistema, ormai prossima al 90%. Il processo di distribuzione dei PIN a questi ultimi è infatti terminato in Emilia Romagna, Toscana, Lombardia, Friuli Venezia Giulia (già abilitati alla nuova procedura tramite Carta nazionale dei servizi) e in Valle d'Aosta.
L'operazione è di fatto conclusa in Veneto, Provincia di Bolzano, Marche, Basilicata, Campania, Calabria, Umbria, Piemonte e Sardegna, dove la percentuale dei medici di famiglia abilitati è compresa tra il 91 e il 98%. Tale percentuale oscilla tra il 70 e il 90% in Abruzzo, Puglia, Lazio, Sicilia, Provincia di Trento e Molise. Ancora indietro la Liguria, ferma al 46%.

Potrebbe anche interessarti:

 

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Notizie dal Web

...continua