Logo ImpresaCity.it

Ibm con Systems Director VMControl gestisce i server virtuali

Ibm ha introdotto alcune novità, tra cui il software Systems Director VM, atte a favorire una migliore gestione dei server virtuali, riducendo i costi e migliorando le prestazioni. La società ha inoltre annunciato un percorso d’aggiornamento dei Power System, basato su microprocessori Power 7.

Autore: Redazione ImpresaCity

Nuovi software e servizi tragati Ibm per gestire in maniera più efficace i server virtuali, migliorandone le prestazioni e riducendo i costi di gestione.
Il nuovo software Ibm Systems Director VMControl consente di scoprire, visualizzare, monitorare e localizzare risorse virtuali, creare e gestire server virtuali e carichi di lavoro attraverso una comune interfaccia per mainframe Ibm system Z, System X X86, based server, BladeCenter, Power Systems Aix, Linux e piattaforme i.
Il nuovo software Ibm fornisce una costante amministrazione dei server virtuali, con le sue capacità di creare, modificare e cancellare risorse virtuali oltre che spostarle in altre posizioni; aiuta inoltre le aziende a mantenere le performance e il corretto funzionamento dei loro server, semplificando così le operazioni in un’infrastruttura dinamica.
Ibm, inoltre, ha annunciato un percorso d’aggiornamento dei Power System di prossima generazione basato su microprocessori Power 7. Oggi i clienti possono acquistare oggi un server Power 6-based 570 o 595 e aggiornarlo facilmente in Power7 una volta disponibile sul mercato.Come novità, inoltre, Ibm ha deciso di aggiornare i server mediante microprocessori Power7, così da aiutare i clienti a proteggere i loro investimenti a lungo termine nei Power Systems. Un aggiornamento di un Power 595 può essere eseguito in un tempo prestabilito rimpiazzando il processore, la memoria e i sistemi di controllo con i nuovi componenti Power7 mantenendo lo stesso system frame. A parità di consumo energetico, il processore Power 7 offrirà ai clienti prestazioni dal doppio al triplo rispetto al Power6 (e sarà disponibile in quattro, sei e otto core-varieties). Per altri sistemi, una volta aggiornati a Power7, le applicazioni da Power6-based System possono essere trasferite al nuovo server aggiornato Power 595 o Power 570, utilizzando i software Ibm Power VM Live Partition Mobility o l’Aix Live Application Mobility, senza danneggiare la funzionalità delle applicazioni pre-esistenti.
Il nuovo Power 7-based Systems includerà il Power VM, sistema di virtualizzazione che permette al cliente di consolidare più di 1000 macchine virtuali per sistema. Questo sistema utilizzerà una tecnologia a 45 nanometri per il nuovo processore e garantirà l'integrazione con le altre componenti tecnologiche, tra cui firmware e programmi software.
Un'altra novità è relativa alla presentazione del Centro d’Eccellenza Tco per supportare i clienti sia nella riduzione degli sprechi dei server ma, soprattutto, dei costi totali delle infrastrutture, eliminando i server Unix e X86 ormai sotto utilizzati. Power System e Power VM di Ibm sono pensati specificamente per supportare il consolidamento di più piattaforme di lavoro su un singolo server.
Con il nuovo Centro d’Eccellenza Tco, gli esperti Ibm assisteranno il piano di consolidamento per i clienti, analizzando opportunità e identificando potenziali aree di investimento.
Pubblicato il: 24/07/2009

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione