Logo ImpresaCity.it

Emerson Network Power presenta Knurr CoolLoop

Unità di condizionamento montate lateralmente agli armadi rack che contengono i server in grado sia di fornire un condizionamento supplementare al sistema di cooling già presente nell’ambiente sia di raffreddare direttamente i server nel rack in cui sono alloggiati.

Autore: Redazione ImpresaCity

Elevate prestazioni, versatilità e un sensibile contenimento dei costi energetici: sono le tre principali caratteristiche su cui pone l’accento Emerson Network Power nel presentare la nuova unità di condizionamento ad acqua refrigerata Knurr CoolLoop.
Disponibile per server rack con un range di potenza da 10 a 30 kW, Knurr CoolLoop è una soluzione per datacenter, che può funzionare sia come sistema aperto sia come sistema chiuso all’interno dei cabinet.
Il livello ottimale di condizionamento per ogni tipologia di ambiente IT lo si ottiene mediante l’utilizzo di un sistema di valvole, in modo da impostare il raffreddamento direttamente sull’armadio adiacente, oppure sfruttare l’unità per il condizionamento addizionale a integrazione della soluzione di cooling già presente nel datacenter.
Montato lateralmente ad armadi server, Knurr CoolLoop è dotato di un sistema per ottenere una dissipazione del calore: l’aria calda viene aspirata dalla parte posteriore del rack, mentre l’aria refrigerata viene indirizzata nella sezione anteriore attraverso i deflettori dei moduli ventilatori sull’intera altezza dell’armadio. Provvisto di ventilatori a commutazione elettronica, EC fans, che consentono una riduzione dei consumi energetici e del livello di rumore emesso, la nuova serie presenta una configurazione modulare che va da uno a quattro unità di ventilazione.
Knurr CoolLoop, che funziona con acqua refrigerata da 12° C a 18° C, permette un risparmio energetico sul consumo dei gruppi frigoriferi, preposti alla sua produzione, grazie all’innalzamento delle temperature operative.
Il funzionamento del Knurr CoolLoop, a temperature dell’acqua più elevate, combinato con l’uso del free cooling nei chiller, contribuiscono a ridurre sensibilmente il consumo energetico.  
È possibile ottimizzare e gestire il volume dell’acqua per controllare il livello di temperatura dell’aria ai server mediante una valvola di regolazione a tre vie.
Attraverso un sistema di monitoraggio e controllo Knurr Cool può controllare, sia su display che in remoto, parametri quali: le temperature dell’aria in entrata e uscita nel server; il livello di umidità; le temperature del flusso dell’acqua prima e dopo il circolo; il livello del flusso di aria fredda; apertura/chiusura delle porte; la presenza dell’acqua nel vaso di condensa; la presenza di fumo o il principio d’incendio; le segnalazioni di allarme nell’armadio; l’alimentazione primaria o secondaria.    
Pubblicato il: 26/05/2009

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione