Logo ImpresaCity.it

Easynet: le aziende europee avanti piano con la videoconferenza

C'è ancora molta cautela da parte delle aziende nell'adozione di soluzioni di videoconferenza. È ciò che emerge da una ricerca di Easynet Global Services secondo cui due terzi delle aziende europee non hanno ancora preso in considerazione o sperimentato questa modalità di comunicazione.

Autore: Redazione ImpresaCity

Da una ricerca commissionata da Easynet Global Services risulta che 2/3 delle aziende europee non hanno ancora preso in considerazione o sperimentato la videoconferenza, anche se l'87% è conscio del risparmio economico che questa tecnologia consente, percentuale che in Italia arriva addiruttura al 94%.
La mancanza del contatto umano e il costo elevato della tecnologia sono tra gli ostacoli evidenziati per la mancata adozione di tecnologie di videoconferenza: circa 1/4 del campione ha espresso dubbi sul fatto che le videoconferenze siano troppo impersonali per effettuare riunioni confortevoli e proficue e più di 1/4 delle imprese è preoccupata dei costi iniziali per adottare la tecnologia, ma anche dei tempi e dei costi per migrare i propri sistemi a soluzioni di videoconferenza più avanzate.
Dall'indagine inoltre emerge che anche chi ha in dotazione la tecnologia non la sta utilizzando al meglio, con il 21% che ritiene le videoconferenze troppo complicate. Molte aziende non sono in grado di sfruttare al massimo le potenzialità della tecnologia, dal momento che alcune persone trovano che sia ancora troppo difficile impostare e gestire una videoconferenza.
Tra i vantaggi indicati da parte delle aziende che stanno utilizzando o che hanno intenzione di adottare una soluzione di videoconferenza vi sono la riduzione dei costi, tempi di risposta e processi decisionali più rapidi, oltre a benefici per l'ambiente.
Oltre il 60% delle aziende europee (il 59% di quelle italiane), afferma di aver adottato tali tecnologie in questo momento di crisi economica lsoprattutto perché permettono di ridurre le spese relative ai viaggi. Easynet stessa dopo aver implementato la soluzione di videoconferenza ha visto calare i costi dei viaggi del 20% con un ritorno dell'investimento (ROI) in meno di 12 mesi.
Oltre alla riduzione dei costi di viaggio, il potenziale risparmio del tempo perso nelle trasferte è una prospettiva allettante per il 59% delle aziende europee intervistate, che in Italia arriva al 64%, oltre alla possibilità di pianificare riunioni con un breve preavviso.
Si guarda anche alle tecnologie virtuali  per ridurre l'impatto sull'ambiente dei viaggi di lavoro, secondo il 31% delle aziende, sottolineando il fatto che la riduzione delle emissioni di CO2 è un vantaggio significativo di questo servizio. 
Di recente, il ministro per l'ambiente del Regno Unito ha utilizzato la soluzione di telepresence gestita di Easynet per tenere il proprio keynote speech 'virtuale' alla Conferenza sui Cambiamenti del Clima di Sydney senza lasciare Londra. Con un risparmio stimato, per il solo volo, di 60 ore di viaggio e 6,2 tonnellate di emissioni di CO2. 
Pubblicato il: 12/03/2009

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Stampanti e gestione documentale

speciali

Quale futuro per le applicazioni d’impresa?