IBM-Apple: avanti con la partnership

IBM-Apple: avanti con la partnership

L’alleanza intende rendere progressivamente appetibile per la clientela aziendale una serie di prodotti di derivazione IBM e Apple

di: Redazione ImpresaCity del 16/12/2015 16:27

Mobility & Byod
 
Nuovo passo avanti per l’accordo storico tra Apple e IBM sulle app mobile in azienda. La partnership iniziata nel 2014 ha dato vita a una collaborazione che ha portato alla creazione di app per il business che hanno trasformato 14 settori industriali ( auto, chimica, retail, petrolio , healthcare) e 65 settori professionali negli Stati Uniti e fuori . Ora l’annuncio del traguardo delle 100 app che realizza un primo obiettivo della partnership.L’alleanza intende rendere progressivamente appetibile per la clientela aziendale una serie di prodotti di derivazione IBM e Apple che fanno leva da un lato sul know how in materia consumer di Apple e dall’altro sulle strette relazioni che IBM intrattiene con i dipartimenti IT della grandi aziende.
ibm-home-device-desktop-render.png

Alcuni esempi. Un nuova app per iPhone rivolta alle imprese del settore energetico permette una rapida ispezione dei danni causati da un evento meteo per condividerli con colleghi e clienti. Un’altra app per iPad considera la condizione dei pazienti più anziani che vivono isolati e ne facilita l’accesso al personale professionale.
Tra le nuove relasse di software anche alcune ottimizzate per il nuovo ibrido iPad Pro con sviluppi attesi per i settori della pianificazione finanziaria, della manutenzione e dei viaggi. Apple e IBM utilizzano team congiunti per la creazione delle app ma sono gli sviluppatori di IBM a scrivere il codice utilizzando il linguaggio di programmazione Swift di Apple.
IBM gestisce nasce l’integrazione del software presso i sistemi informativi della clientela. I clienti pagano una fee mensile che si basa sul numero di utenti.La app business nascono già in grado d’integrarsi nei servizi di analytics di Watson, ma per il collegamento si applica una struttura di costi supplementare. Anche se non ci sono dichiarazioni ufficiali sulla clientela che ha già adottato le app congiunte i nomi che circolano riguardano Scandinavia Airlimes, Vodafone Olanda e alcuni imbottigliatori asiatici di Coca Cola.  
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota