Hitachi Data Systems si occupa di sicurezza degli accessi mobili

Hitachi Data Systems si occupa di sicurezza degli accessi mobili

La versione S10 di Hitachi Content Platform esplicita la volontà del vendor di allargare il concetto di puro storage verso la gestione dei dati negli attuali contesti di utilizzo.

di: Redazione ImpresaCity del 23/02/2015 14:15

Mobility & Byod
 
Le possibilità di accedere ai dati aziendali o di condividere file si stanno moltiplicando e spesso gli accessi avvengono con strumenti che le direzioni It non controllano o che presentano insufficienti garanzie di sicurezza.
La nuova piattaforma di gestione dei contenuti Hcp (Hitachi Content Platform), denominata S10, esplicita la volontà di Hitachi Data Systems di estendere il proprio raggio d’azione dal puro storage, proponendo di unificare su un’unica architettura sicura gli accessi ai file Nas aziendali, anche se allocati su cloud privati o ibridi. Per arrivarci, la piattaforma offre servizi equivalenti a quelli che vengono proposti da strumenti come Box Pro o Dropbox e simili. In parallelo, il software di alimentazione dei dati Ingestor e il gateway per gli accessi mobili Anywhere sono stati aggiornati per supportare le nuove funzioni di Hcp.
Basata sullo storage a oggetti di Hitachi Content Platform, la soluzione propone gateway e funzioni di sincronizzazione e accesso sicuri verso file e dati aziendali, che si trovino nel perimetro dell’impresa o su cloud pubblici (Amazon S3, Google Cloud, Azure e OpenStack), utilizzando l’allocazione gerarchica dei dati e dei file presenti su Hcp.
Una delle novità della versione S10 è il supporto di Erasure Coding, per assicurare il massimo livello di sicurezza, in linea con quella di altre soluzioni storage come Scality o Exablox. La soluzione si basa anche dischi ad alte capacità, per gestire volumi complessi di dati.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota