L’operazione Microsoft-Nokia al vaglio degli analisti

L’operazione Microsoft-Nokia al vaglio degli analisti

Una panoramica sui commenti offerti dai principali osservatori del mercato Ict su un’acquisizione che terrà banco ancora per diverso tempo a venire.

di: RB del 06/09/2013 13:50

Mobility & Byod
 
Come accade sempre in questi casi, i principali analisti del mercato Ict si sono divisi in sede di commento dell’acquisizione del business mobile di Nokia da parte di Microsoft. Se in generale prevale una visione mediamente positiva sull’operazione, alcuni preferiscono evidenziare le considerevoli sfide che ora attendono la casa di Redmond.
Idc, per esempio, pone in evidenza come Apple abbia ora di fronte un concorrente che si è dotata dello stesso modello integrato: “ Non può ottenere successo senza il controllo su tutta la catena del valore”, ha indicato il research director Francisco Jeronimo, il quale fa anche notare come fin qui Microsoft non abbia raccolto risultati significativi nell’hardware, a parte il caso della Xbox e quest’operazione possa anche rappresentare un cambio radicale di strategia. Sulla stessa linea, troviamo Forrester: “Microsoft ha bisogno di una strategia integrata nel campo mobile e deve affrontare l’ancor basso numero di partner raccolti attorno a Windows Phone 8”, ha commentato il principal analyst Thomas Husson. Lo stesso ricercatore rileva però come possa essere lunga e difficile l’integrazione fra una moltitudine di servizi e brand nell’ecosistema di Redmond e lo stesso possa dirsi per l’allineamento vermicolare fra le linee di prodotto esistenti. 

La battaglia si sposta sugli ecosistemi
Gli analisti concordano sul fatto che la battaglia sul mercato delle comunicazioni mobili si giochi oggi non tanto sui prodotti quanto sugli ecosistemi. Adrian Drozd, Ict research director di Frost & Sullivan, sottolinea come la strada per Microsoft sia ancora lunga, stante la disponibilità odierna di un modesto 4% di quota di mercato per Windows Phone: “Con l’acquisizione, Microsoft potrà controllare l’insieme dell’esperienza utente. Questo genererà una frammentazione del sistema operativo, ma faciliterà l’opera di proselitismo fra gli sviluppatori. In prospettiva, l’azienda potrà riconquistare clienti perduti, soprattutto per la diffusione del Byod”.
Molti osservatori hanno fatto notare come il business Nokia sia più forte nel settore dei cellulari di “base”, quelli più tradizionali per intenderci. Il big americano non dovrebbe separarsene, almeno a breve termine. Per Idc è essenziale che il business sia conservato e sviluppato: “Microsoft potrà così avere accesso ai mercati dove i modelli tradizionali sono forti e poi, visto che il passaggio agli smartphone sarà inevitabile, sfruttare il suo posizionamento per vendere più modelli di nuova generazione”, spiega Francisco Jeronimo. Il discorso vale soprattutto per mercati come quello cinese, africano, latino-americano e medio-orientale. 

Cambieranno gli assetti di mercato?
Secondo Analysys Mason, invece, l’acquisizione avrà un impatto limitato sul mercato degli smartphone, perché le due aziende interessate già vi operano congiuntamente da oltre due anni.
Carolina Milanesi, vice presidente delle ricerche Gartner nell’ambito dei dispositivi per il grande pubblico, ritiene che l’operazione andasse fatta per evitare che Nokia potesse in autonomia decidere di cambiare idea sul supporto al sistema operativo mobile o essere acquisita da qualcun altro: “La velocità alla quale la nuova entità potrà sviluppare nuovi smartphone, migliorare il sistema operativo e sollecitare gli sviluppatori a creare più applicazioni sono elementi-chiave per determinare il successo futuro di Windows Phone. Microsoft dovrà però essere in grado di sfruttare il know-how di Nokia per proporre una strategia che convinca le aziende a fare della mobilità l’asse portante dell’organizzazione del lavoro. Una delle sfide sarà cercare di trattenere il più possibile le competenze e le risorse umane appena acquisite”.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota