Carrier mobili, attenzione: il 4G potrebbe deludervi

Carrier mobili, attenzione: il 4G potrebbe deludervi

I consulenti di Arthur D. Little hanno espresso qualche perplessità sulle possibilità che la tecnologia 4G possa generare un giro d’affari realmente significativo.

di: Redazione Impresa City del 16/07/2013 11:55

Mobility & Byod
 
La pubblicazione della dodicesima edizione dello studio di Arthur D. Little sul mercato delle telecomunicazioni mette in evidenza un dato preoccupante. Nei prossimi cinque anni, infatti, l’analista prevede che il giro d’affari generato in ambito mobile in Europa calerà del 2,6%. Eppure, questo è il lasso di tempo nel quale dovrebbe consolidarsi la diffusione della tecnologia 4G.
Secondo Arthur D. Little, peserà molto la forte pressione competitiva che già oggi influenza l’andamento di mercato dell’Internet mobile. I prezzi sono scesi sensibilmente negli ultimi tempi e l’arrivo del 4G non sembra in grado di consentire un recupero delle vecchie marginalità. Anzi, alcuni carrier europei hanno già dichiarato che praticheranno le stesse tariffe oggi in vigore con la tecnologia 3G.
L’arrivo della nuove generazione di connettività porterà certamente a un incremento dell’utilizzo dell’Internet mobile, soprattutto per la comunicazione e la consultazione dei video in rete. Le promesse di aumento delle prestazioni e riduzione delle latenze dovrebbero confermare queste previsioni. Ma per fare in modo che alla diffusione della tecnologia si associ anche un più alto beneficio economico per chi propone il servizio, non c’è altra via che agire sulle tariffe. Arthur D. Little suggerisce ai carrier europei di prendere spunto da quanto praticato negli Usa da At&T e Verizon Wireless, che hanno elaborato piani basati sulla condivisione di un volume globale di dati mobili fra diversi terminali connessi.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota