La scuola si prepara a diventare più digitale

La scuola si prepara a diventare più digitale

Il prossimo anno scolastico segnerà l’introduzione del registro elettronico. Aumenterà di conseguenza la domanda di connessioni wireless.

di: Redazione Impresa City del 27/05/2013 15:14

Mobility & Byod
 
A partire dal prossimo anno scolastico, entrerà in vigore il registro elettronico per la scuola. Il passo rappresenterà una vera rivoluzione per il mondo dell’istruzione, chiamato a un’opera di modernizzazione che dovrà essere seguito da tutti gli istituti scolastici. Promosso con la spending review del governo Monti,  il decreto legge, poi convertito nella Legge 135/2012, impone dal prossimo settembre il registro delle presenze attraverso un supporto elettronico e le conseguenti comunicazioni con le famiglie e gli alunni via e-mail. Importanti i tagli dei costi previsti e gli obiettivi in termini di dematerializzazione, oltre alle nuove scommesse tecnologiche che questo evento segna.
Fra le necessità primarie legate all’evoluzione digitale della scuola italiana, c’è il tema della connettività, possibilmente da affrontare già in ottica di tecnologia mobile. Ruckus Wireless vuole svolgere un ruolo di primo piano negli sviluppi legati all’attuazione del provvedimento e propone quattro pacchetti legati alle dimensioni della rete da implementare e della sua complessità in termini di applicazioni caricate. Essi includono i controller 1100 e 3000 e gli access point 7300 e 7982.
Tutte le soluzioni Ruckus Wireless sono Byod-ready, quindi possono supportare e gestire sulle stessa rete molteplici dispositivi Wi-Fi.
Diversi sono i progetti già implementati in tutta Italia. Tra questi, c’è il Collegio Villoresi San Giuseppe di Monza, che conta 110 insegnanti e circa 900 alunni. Qui, grazie alla creazione di una rete Wi-Fi, è stato possibile raggiungere importanti traguardi in tema di dematerializzazione e risparmi. In primis, attraverso la digitalizzazione non solo del registro delle presenza, ma anche dei voti facilmente consultabili attraverso il sito della scuola nonché la realizzazione di un progetto pilota che ha sostituito i libri di 60 alunni con e-book fruibili attraverso netbook.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota