Il focus di Acer si sposta sui tablet

Il focus di Acer si sposta sui tablet

Indebolitasi sul mercato pc, che ancora pesa per l’82% del fatturato, l’azienda taiwanese chiude in perdita il Q4 del 2012 e cambia strategia.

di: Redazione Impresa City del 22/03/2013 13:48

Mobility & Byod
 
Non è più il leone rampante di qualche anni fa, ma Acer resta pur sempre la quarta azienda al mondo nel mercato pc, dove, secondo Idc, nel 2012 ha chiuso con una quota dell’8%. Eppure, l’azienda ha finito male l’anno fiscale, segnando nel quarto trimestre un calo del 3% nel fatturato (2,6 miliardi di euro) e addirittura del 10% sull’intero esercizio, chiuso a 11 miliardi di euro.
Male anche il capitolo sulla redditività, visto che il Q4 ha fatto segnare una perdita netta di 78 milioni di euro (ovvero 3,4 miliardi di nuovi dollari taiwanesi) e invertendo la tendenza non solo rispetto a un anno fa (attivo di 2,6 milioni di euro), ma anche in rapporto al precedente trimestre (guadagno di 1,8 milioni di euro).
Il buco finanziario è stato attribuito al deprezzamento di valore di certe attività già annunciato in gennaio e riferito ai brand Gateway, Packard Bell, eMachines ed E-Ten. Secondo un portavoce della società, questa operazione non ha alcun impatto sul business della società né sul capitale circolante, tant’è che senza tener conto di questo il bilancio 2012 sarebbe stato in attivo per 15 milioni di euro.
La maggioranza del fatturato è stata realizzata nell’area Emea (38%), mentre il 28 % deriva dal continente americano e il 18% dalla regione Asia-Pacifico. Queste proporzioni confermano il dato di un anno fa.
Sono sempre i portatili a recitare il ruolo di protagonisti nelle vendite, visto che rappresentano de terzi del giro d’affari complessivo. I desktop pesano per il 16 e i monitor per 8%. Va notato però che l’area coperta da tablet e smartphone ha segnato una crescita dall’8 al 10% in un anno e questa tendenza è destinata a proseguire sotto l’impulso della nuova strategia.
In effetti, Acer ha indicato di aspettarsi vendite tre volte superiori in questo comparto rispetto all’anno passato, mentre il volume dei pc portatili dovrebbe calare fra il 10 e il 15%. Per raggiungere questo ambizioso obiettivo, l’azienda intende raddoppiare gli investimenti marketing sui tablet nel 2013, per un totale di circa 10 milioni di euro. Nel secondo semestre di quest’anno saranno lanciati nuovi prodotti, che andranno a sostenere gli sforzi del gruppo di ricavarsi uno spazio significativo in un mercato fortemente concorrenziale.
Per il primo trimestre dell’esercizio 2013, Acer si attende di recuperare quanto perso in termini di fatturato, proprio grazie al peso crescente dei tablet. Alcuni analisti consultati Da Reuters hanno ritenuto questa stima un po’ ottimistica e pensano che sia più probabile un ritorno all’equilibrio nel terzo trimestre, quando arriveranno nuovi terminali.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota