La componente legacy è un ostacolo alla trasformazione digitale

La componente legacy è un ostacolo alla trasformazione digitale

Secondo una ricerca europea pubblicata da Fujitsu il 57% delle aziende utilizza un'infrastruttura tecnologica inadeguata alle esigenze attuali

di: Redazione del 02/02/2017 17:13

Enterprise Management
 
La tecnologia legacy, quella ereditata dal passato e che spesso supporta le applicazioni core, è un ostacolo alla trasformazione digitale: il 57% delle aziende europee ammette che la propria infrastruttura tecnologica fatica a tenere il passo con il ritmo, senza precedenti, che la digitalizzazione impone. E' quanto emerge da un nuovo studio realizzato dalla società di ricerche Pierre Audoin Consultants (PAC)  per conto di Fujitsu. 500 i responsabili IT di grandi aziende europee che sono stati intervistati.

fujitsu-forum-1-2016.jpg

La survey si è concentrata sulle principali sfide tecnologiche che le aziende stanno affrontando nel corso delle rispettive iniziative di trasformazione digitale cercando al fine di comprendere strategie e tendenze future in termini di investimenti su software SAP e Oracle e in merito alla trasformazione dell'infrastruttura legacy alla ottimizzazione della produttività. 

Dalla ricerca emerge che solo un 10% circa delle aziende è coinvolto attivamente in progetti di trasformazione digiltale e che solo il 17% la considera prioritaria. Il 42%, sebbene convinto dell'impatto che potrà avere la trasformazione digitale, ritiene che la precedenza debba eser data a problemi di natura economica.

“È sorprendente constatare come siano così poche le aziende che stanno approfittando completamente dei vantaggi della trasformazione digitale, anche se è incoraggiante sapere che nei prossimi 12-36 mesi assisteremo a notevoli progressi in questa direzione", ha commentato Ravi Krishnamoorthi, SVP & Head of Business Consulting, Digital & Application Services di Fujitsu EMEIA.

"Ci aspettiamo che le aziende trasferiscano sempre più workload e applicazioni sul cloud e intraprendano passi significativi per migliorare non solo la loro agilità di business, ma anche l'efficacia dei loro budget IT. Ma a fronte di queste iniziative molte aziende continueranno a far girare i processi core su software legacy”. 

“Molte hanno compiuto grandi passi avanti, ma continuano a subire la concorrenza di nuovi player di mercato nativi digitali", ha affermato Nick Mayes, Research Director di PAC. "Per competere con efficacia, le aziende devono modernizzare le infrastrutture tecnologiche - dal backend fino alle applicazioni enterprise e ai tool per la produttività - ma si trovano spesso in difficoltà nel prendere le decisioni adeguate". 

Problematiche di natura tecnologica e culturale sono in cima all'elenco dei fattori che bloccano la trasformazione digitale: si tratta in particolare dell'obsolescenza della tecnologia e delle infrastrutture aziendali, della difficoltà di integrare il digitale nei sistemi legacy e delle sfide associate alla diffusione di un cambiamento culturale all'interno delle stesse organizzazioni IT. Secondo gli intervistati, le applicazioni legacy hanno, inoltre, un impatto negativo sull'agilità aziendale in quanto generano assorbono una spesa IT che potrebbe invece essere dedicata a supportare l'innovazione. 

Allo stato attuale, solo il 20% degli intervistati ha effettuato la migrazione di oltre metà delle proprie applicazioni verso un modello di delivery basato su cloud; tuttavia questa proporzione è destinata probabilmente ad aumentare di oltre due volte nei prossimi 36 mesi.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua