Siemens cresce al passo della digitalizzazione

Siemens cresce al passo della digitalizzazione

Proseguendo lungo la strada strategica del riorientamento sull’innovazione delle imprese, la casa tedesca ha chiuso l’ultimo esercizio con una crescita del 7% in Italia.

di: Roberto Bonino del 01/02/2017 11:40

Enterprise Management
 
Energia sostenibile, infrastrutture intelligenti e manufacturing 4.0 sono le aree sulle quali Siemens sta concentrando in modo prevalente le proprie risorse. Completata l’opera di riorientamento strategico verso l’innovazione e il consolidamento delle operations, la casa tedesca siemens---federico-golla.jpgha potuto beneficiare nell’ultimo esercizio fiscale delle scelte fatte, ottenendo una crescita globale del giro d’affari del 6% (il 5% reale, tenuto conto dei differenziali monetari), mentre in Italia il fatturato ha raggiunto gli 1,9 miliardi di euro, con un aumento del 7%: “Visto l’andamento generale dell’economia e l’instabilità dovuta a fattori politici, oltre che finanziari – ha commentato Federico Golla, presidente e amministratore delegato di Siemens Italia – si tratta di un ottimo risultato, che premia la scelta di supportare le aziende nei processi di digitalizzazione”.
Quest’ultima componente è quella che certamente traina il business globale della società, con una crescita lo scorso anno dell’8% circa, ma un andamento positivo è stato garantito anche dagli altri due ambiti di presidio, ovvero l’automazione industriale (+3-4%) e l’elettrificazione (+1-2%), che messi insieme ancora producono un volume d’affari pari a 19 miliardi di euro nel mondo.
Nell’ambito di una Vision 2020 orientata alla crescita accelerata, Siemens sta ponendo la massima attenzione alle strategie di digitalizzazione di imprese e pubbliche amministrazioni, cercando di spingere su tutto ciò che oggi si usa definire “smart”, si tratti di edifici, industrie di produzione, città. In questo contesto, si collocano alcune importanti realizzazioni portate a termine in Italia nel corso del 2016: “Il nuovo centro direzionale di Intesa SanPaolo è oggi il più virtuoso in Europa, grazie al nostro apporto con Total Building Solution – ha sottolineato Golla – ma vale la pena segnalare, in ambito energy management, la realizzazione per Enel di un sistema di accumulo dell’energia nell’isola di Ventotene o l’implementazione di un progetto di smart manufacturing in Ramaplast, azienda che produce contenitori in plastica”.
L’efficienza energetica non guida solo l’approccio al mercato di Siemens, ma anche i progetti interni, con un programma che ha già portato alla riduzione del 37% dei consumi nelle sedi esistenti e il progetto del nuovo quartier generale da 32mila metri quadrati, che vedrà la luce nel 2018. Dal punto di vista dell’offerta, invece, particolare affidamento viene posto su MindSphere, sistema operativo aperto indirizzato all’Internet of Things e basato su cloud, su cui è possibile sviluppare, eseguire e fornire applicazioni e servizi digitali.
La strategia di crescita centrata sull’innovazione si fonda anche su forti investimenti in ricerca & sviluppo (5 miliardi di euro saranno investiti nel 2017), che vede attività presenti anche in Italia, a Genova per il software industriale e a Milano per le tecnologie di ricarica delle auto elettriche: “Stiamo investendo anche nella formazione di nuovi profili professionali – ha concluso Golla – e nel supporto alle start up, con la creazione, lo scorso autunno, di next47 e un investimento di 1 miliardo di euro su giovani realtà impegnate in aree, come l’intelligenza artificiale, l’elettrificazione distribuita, l’e-mobility, il machine-to-machine e le applicazioni blockchain”. 
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua