F5, nuovi servizi per architetture ibride

F5, nuovi servizi per architetture ibride

Le nuove soluzioni favoriscono il deployment flessibile, i controlli basati sulle policy e il supporto al cloud ibrido

di: Redazione del 17/05/2016 11:31

Enterprise Management
 
Nuovi soluzioni software che consentono ai clienti di integrare i servizi di disponibilità e sicurezza, semplificare la gestione dei dispositivi e ottimizzare l'orchestrazione dell’infrastruttura IT.

Tra queste:
  • BIG-IP 12.1 - fornisce servizi applicativi con una migliore integrazione con il cloud pubblico e policy di sicurezza più accurate per gli ambienti on-premise e cloud ibridi;
  • BIG-IQ Centralized Management 5.0 - offre una migliore gestione del portfolio di soluzioni BIG-IP di F5 con miglioramenti in termini di scalabilità e prestazioni;
  • iWorkflow 2.0 - permette l’orchestrazione dei servizi F5 con soluzioni focalizzate sul SD, come Cisco ACI e VMware NSX, e un deployment continuativo utilizzando strumenti di DevOps di aziende come Ansible, Chef e Puppet.

"Con il rilascio della nuova versione di BIG-IP versione 12.1 abbiamo raggiunto un nuovo livello di programmabilità tra architetture tradizionali, cloud e ibride, affermano in F5 Networks. Il nuovo iRules LX di F5 segna un sostanziale progresso nella programmabilità, fornendo la possibilità di controllare e implementare selettivamente la capacità di deploy di servizi via Node.js, includendo un facile accesso a più di 250.000 pacchetti della community Node.js. Queste novità sono particolarmente importanti nel garantire funzionalità avanzate per le applicazioni web che richiedono un throughput ottimizzato, scalabilità e servizi di instradamento del traffico. Inoltre, un nuovo plug-in per Eclipse Integrated Development Environment (IDE) - solitamente supportato da altri fornitori di tecnologia (ad esempio, CA, Google, IBM, Oracle, Red Hat e SAP) - abilita la delivery rapida di codice riutilizzabile che offre funzionalità avanzate".

"I miglioramenti della sicurezza di F5 - si aggiunge nel documento rilasciato dalla società - consentono alle organizzazioni di garantire più efficacemente la disponibilità e le prestazioni delle applicazioni, risolvere le lacune critiche nella protezione dell’applicazione e rafforzare le difese. BIG-IP Application Security Manager (ASM) migliora la difesa delle applicazioni web con metodi di rilevamento delle bot unici e personalizzabili che consentono un'analisi dettagliata e un ampio monitoraggio degli ID dei dispositivi. Accelera, inoltre, la creazione delle black list degli indirizzi IP dannosi per minacce al layer 7, fornendo una copertura fino a quando le liste vengono aggiornate".

"Le soluzioni F5 sono, inoltre, progettate per consentire ai clienti di utilizzare nel cloud gli stessi servizi che possono usare nel data center. Le nuove tecnologie offrono un supporto ampliato per gli ambienti AWS e Azure, tra cui l'integrazione con AWS autoscale per scalare dinamicamente i servizi applicativi, una disponibilità elevata active/standby attraverso le zone di disponibilità e funzionalità aggiuntive di F5 WAF per Azure Security Center".

“Per soddisfare al meglio le esigenze dei clienti, abbiamo investito in modo significativo nella sicurezza, nella gestione e nell'orchestrazione, oltre a offrire nuove funzionalità del software che supportano la nostra linea di prodotti punta di diamante BIG-IP, ha dichiarato Karl Triebes, EVP di Product Development e CTO di F5. Dare alle aziende la possibilità di integrare le soluzioni di F5 con quelle di aziende come AWS, Azure, Cisco e VMware è certamente una priorità, ma vogliamo anche garantire che le nostre soluzioni supportino chi utilizza tecnologie open source come OpenStack, una infrastruttura agile per le aziende emergenti nate nel cloud”.


Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota