Le aziende devono controllare meglio l'accesso ai propri sistemi informativi

Le aziende devono controllare meglio l'accesso ai propri sistemi informativi

In base una ricerca commissionata da Bomgar, il controllo sulle attività svolte da fornitori esterni richiede maggiore attenzione.

di: Redazione ImpresaCity del 02/05/2016 12:02

Enterprise Management
 
Nell'attuale fase di sviluppo dell'Information Technology, è abbastanza normale che ogni azienda abbia fornitori esterni abilitati ad accedere ai sistemi informativi. Tuttavia, una cattiva gestione si rivela una delle principali vulnerabilità per la sicurezza.
In base a una ricerca commissionata da Bomgar (oltre 600 aziende in Europa e negli Stati Uniti), il 64% delle imprese lamenta compromissioni su dati e sistemi dovuti a questa ragione, anche se proprio grazie ai problemi riscontrati, la sensibilizzazione è cresciuta in 8 imprese su 10 intervistate.
In generale, l’introduzione di best practice non è ancora troppo diffusa. Solo il 35% del campione, infatti, dichiara di disporre del numero esatto di fornitori che hanno accesso al sistema informativo aziendale. In media, l’89% abilita soggetti esterni e il numero è destinato a crescere nei prossimi anni per il 71% del campione analizzato. Solo il 34%, tuttavia, sa con precisione quali accessi siano attribuibili a terze parti e il 44% apre in modo generico, senza controllare chi accede a cosa.
Va detto che nella maggior parte dei casi si è instaurato un rapporto di piena fiducia fra le aziende ei loro fornitori esterni. Questo dato si riscontra nel 92% del campione, ma esiste un 67% che ammette come la fiducia sia probabilmente eccessiva. Il 69% stima di aver subito compromissioni ai propri dati dovute ad accessi da parte di fornitori terzi.
Infine, se il 56% giudica che questo genere di rischi sia stimato male, il 64% antepone la dimensione economica a quella legata alla sicurezza.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota