Kroll Ontrack per la gestione dei dati legacy

Kroll Ontrack per la gestione dei dati legacy

Annunciata la disponibilità di una soluzione din grado di consolidare i cataloghi dei backup da vari sistemi e media in un singolo inventario

di: Redazione del 10/02/2016 11:18

Enterprise Management
 
Kroll Ontrack ha annunciato la disponibilità di Ontrack DataAdvisor, una soluzione di data management  in grado di consolidare i cataloghi dei backup da vari sistemi e media in un singolo inventario nel quale è possibile effettuare ricerche, eliminando così i costi di mantenimento dell’infrastruttura legacy.

Le organizzazioni sono sempre più gravate da protocolli per la gestione dei dati legacy e dagli alti costi di mantenimento dei differenti sistemi legacy necessari per assicurare l’accesso ai dati in caso di richieste per finalità normative o a scopi legali.  La soluzione che proponiamo, affermano in Kroll Ontrack, tende a risolvere questo tipo di problematiche.

“Non è infrequente per un cliente raccontarci di possedere in qualche stanza 100 vecchi nastri di backup con 10 anni di età senza più sapere quali dati vi siano contenuti, afferma Paolo Salin, Country Director di Kroll Ontrack Italia. Molti settori come quello bancario o sanitario necessitano di conservare e mantenere l’accesso a particolari tipi di dati per un certo periodo di tempo, il problema è che queste organizzazioni sono costrette non solo a conservare fisicamente i nastri ma anche i costosi sistemi legacy, necessari in caso di restore dei dati dai tape. Ontrack DataAdvisor risolve queste sfide aggregando i cataloghi dei backup legacy da tutti i sistemi in un inventario in cui è semplice effettuare delle ricerche. Il risultato è che le organizzazioni non solo riducono i rischi poichè conoscono esattamente quali dati sono memorizzati nei loro archivi su tape ma Kroll Ontrack può effettuare il restore dei dati necessari permettendo alle aziende di smantellare definitivamente i sistemi legacy.”

Secondo una recente ricerca globale di Kroll Ontrack su 720 amministratori IT, il 37% delle organizzazioni utilizza più di un sistema di backup contemporaneamente, aggiungendo costi e complessità ai loro processi di gestione dei dati. Inoltre, il 34% delle aziende conserva e gestisce più di 100 tape e più del 50% ha pianificato di sostituire i propri sistemi di backup nei prossimi 2 anni andando di fatto a creare nuovi sistemi legacy da mantenere.

“Quando un sistema diventa un sistema legacy i tempi sono maturi per valutare strategie per la gestione dei dati legacy e per prendere decisioni informate e convenienti su accesso, conservazione, migrazione e cancellazione dei dati, spiega Paolo Salin. Il 43% di coloro che hanno partecipato al nostro studio mira a terminare i contratti di mantenimento per i propri sistemi di storage legacy, è chiaro che le organizzazioni sono alla ricerca di una migliore gestione di tali dati e di eliminare gradualmente tali sistemi per ridurre i costi di manutenzione dell’IT”.

Per creare un inventario nel quale poter effettuare delle ricerche, Kroll Ontrack carica le informazioni del catalogo direttamente dai tape di backup o da un file di catalogo esportato. I dati del catalogo vengono quindi ospitati nei data center di Kroll Ontrack mentre i tape fisici possono essere conservati da Kroll Ontrack oppure da una terza parte o restituiti al cliente. Quando necessario, i clienti di Ontrack DataAdvisor effettuano semplicemente delle ricerche nell’inventario per identificare i dati desiderati e richiedono il restore di solo ciò che è necessario.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota