Il profilo del Cio di nuova generazione

Il profilo del Cio di nuova generazione

La professione evolve verso caratteristiche sempre meno tecniche. Un passaggio inevitabile per mantenere e forse accrescere il peso critico in azienda.

di: Redazione ImpresaCity del 26/01/2016 10:40

Enterprise Management
 
Il mondo dell'offerta tecnologica per le aziende, più o meno come ha sempre fatto, tende a proporre nuove sigle con le quali identificare le tendenze in corso. Ma ai Cio i tecnicismi sono destinati a interessare sempre meno, almeno stando alle riflessioni proposte dai ricercatori di Quocirca.
Il ruolo, infatti, appare in piena evoluzione verso profili meno specializzati e ingegneristici. Il cloud computing appare il principale responsabile di questo cambiamento: il back-end tecnico diventa sempre meno importante nel momento in cui applicazione e componenti infrastrutturali vengono affidate a provider esterni.
I Cio più perspicaci non potranno, quindi, che concentrarsi sul core business della propria azienda. Anziché preoccuparsi del processore dei server o della tecnologia dei dispositivi storage, diventa più importante comprendere le funzionalità e le prestazioni globali delle piattaforme e dei servizi costruiti per soddisfare le richieste provenienti dal business.
Quocirca conferma come il moderno direttore dei sistemi informativi si stia trasformando in consulente orientato ai flussi di attività, coinvolto nelle discussioni sulle necessità strategiche e tattiche della propria impresa. In questo modo, diventa più facile cercare soluzioni ideali da un punto di vista più globale, per presentarle ai manager di riferimento in modo più facile da comprendere.
Diventa sempre meno rilevante parlare di velocità o di potenza, per lasciar spazio invece ai vantaggi apportati all'azienda in termini di riduzione di costi, diminuzione dei rischi, aumento del valore aggiunto e tempi di realizzazione. Naturalmente, i Cio dovranno continuare a garantire che i servizi e le funzionalità consigliati rispettino stretti criteri di performance, disponibilità, sicurezza, compliance e così via. Questi aspetti, tuttavia, dipenderanno più dall'approccio del provider al quale affidarsi che dalla piattaforma hardware.
Questo scenario non impedisce che i responsabili dell'It aziendale possono trascurare l'aggiornamento sulle evoluzioni tecnologiche. Semmai, l'aumento della virtualizzazione fa crescere l'importanza della componente software di un sistema informativo. Per assicurare il buon funzionamento delle attività di un'impresa, rimane imperativo comprendere come garantire l'alta disponibilità e a quale costo, oltre a mettere in primo piano la sicurezza delle informazioni critiche.
Altrettanto essenziale e capire come integrare differenti processi di business, in particolare in quelli tipici dell'impresa con quelli di clienti e fornitori, per estrarre un alto valore commerciale di assicurarsi che nuovi sviluppi, come l'Internet delle Cose, siano affrontati in modo corretto. In questa logica, occorre che il Cio sappia come individuare le corrette e fonti di informazione, affidandosi magari a strumenti di sintesi critica, piuttosto che all'abbondanza del Web.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota