Stampanti 3D, un mercato a due velocità

Stampanti 3D, un mercato a due velocità

Context stima una crescita mondiale intorno al 35%, ma i numeri assoluti sono ancora modesti.

di: Redazione ImpresaCity del 21/01/2016 10:07

Enterprise Management
 
Il mercato delle stampanti 3D appare in piena fase di crescita, ma su volumi ancora contenuti.La società di analisi Context stima che il comparto sia cresciuto del 35% a livello mondiale, un tasso non trascurabile per prodotti di questo genere. Tuttavia, in termini assoluti sono state vendute circa 174mila stampanti nei primi nove mesi del 2015, perdipiù con una netta prevalenza per i prodotti destinati a un uso individuale rispetto a quelli più complessi e industriali.
Context evidenzia come il 95% delle vendite derivi da stampanti 3D personali e da ufficio, con una crescita su base annuale del 38%, che contrasta con il 3% fatto segnare dai modelli enterprise.Con un costo medio intorno ai 5.000 euro, le stampanti 3D da ufficio combinano il vantaggio dell’accessibilità con caratteristiche di compattezza e prestazioni in costante ascesa. Se si vendono meglio rispetto a quelle B2B è anche perché al momento il concetto di stampa 3D sembra più facilmente associabile a impieghi sperimentali o a piccole strutture (come i fab lab).
Con il 17% di quota di mercato, la taiwanese XYZprinting guida le vendite mondiali, seguita dall’americana 3D Systems (12%). Più indietro, troviamo altre due realtà statunitensi, ovvero Stratasys e M3D, oltre all’olandese Ultimemaker, ciascuna con market share intorno al 9%, segno che ci troviamo in un settore ancora molto competitivo.
Nell’intero 2015, Context stima che il mercato mondiale della stampa 3D possa raggiungere un valore complessivo di 4,3 miliardi di dollari. Negli anni a venire, dovrebbe avvenire il vero e proprio boom, che porterà nel 2020 a toccare i 17,7 miliardi di dollari. 
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota